Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Una pedalata polare per salvare l'Artico
Anche Catania dice no alle trivellazioni

Fa tappa anche all'ombra dell'Etna l'iniziativa globale della campagna #savethearctic di Greenpeaceche oggi pomeriggio vedrà migliaia di persone in tutto il mondo salire in sella alla bici per opporsi alle perforazioni petrolifere e allo sfruttamento industriale al Polo Nord. Pratiche che mettono in pericolo gli orsi polari e l'intero ecosistema del luogo, con ripercussioni sul clima di tutto il pianeta. Si parte alle 18 da piazza Stesicoro. La partecipazione è libera, basta portare la propria bici e indossare una maglietta bianca

Perla Maria Gubernale

Tutti in bici per difendere l'Artico. Anche Catania aderisce alla prima «pedalata polare della storia», una mobilitazione globale organizzata da Greenpeace che oggi  pomeriggio coinvolgerà in contemporanea 75 città in 35 paesi del mondo per dire no alle trivellazioni petrolifere nel fragile ecosistema artico. In Italia, oltre che nel capoluogo etneo, migliaia di difensori degli orsi polari - che a causa della corsa al'oro nero «rischiano di perdere la propria casa» - saliranno in sella e padaleranno lungo le strade più belle di Roma, Milano, Bari, Verona e Napoli, per «ricordare l’urgenza di salvare l’Artico e fermare i giganti del petrolio come Shell e Gazprom».

Un no globale da urlare in sella, che parte dalla campagna Save The Arctic condotta da Greenpeace contro perforazioni petrolifere e pesca intensiva industriale, e che cade in una data, il 15 settembre, non casuale. La pedalata, infatti, «coincide con il raggiungimento del livello minimo dei ghiacci artici, nel momento in cui la calotta intorno al Polo Nord si ritira al termine dell’estate», spiegano gli organizzatori in una nota. Un allarme che quest'anno potrebbe raggiungere «uno tra i cinque livelli più bassi della storia». Alla minaccia dei cambiamenti climatici, si aggiunge anche il rischio di sfruttamento da parte delle industrie petrolifere. «L’assenza di ghiaccio - continua la nota di Greenpeace - ha aperto nuove vie di transito per la ricerca e l’estrazione di petrolio a latitudini estreme, scatenando una vera e propria corsa all’oro nero». Con ripercussioni negative sull'intero ecosistema.

«Con la pedalata polare vogliamo portare il movimento dei Difensori dell’Artico sulle strade e chiedere alla comunità internazionale di dichiarare l’Artico un santuario globale, regione protetta da ogni tipo di sfruttamento industriale – spiega ancora Cristiana De Lia, responsabile della campagna Mare di Greenpeace Italia - Solo in questo modo, aziende come Shell e Gazprom smetteranno di giocare alla roulette russa con questa terra di vitale importanza per il clima del nostro pianeta». Per difendere un luogo che è una risorsa preziosa per l'umanità, e da cui dipende la situazione climatica dell’intero pianeta, ma che oggi è in pericolo. «Questa terra - continua l'attivista - è importante per ogni singolo essere umano e se permettiamo ai giganti petroliferi di trivellare questa regione, pagheremo tutti le conseguenze del riscaldamento globale, dell’innalzamento dei livello dei mari e di nuovi imprevedibili disastri climatici. Siamo di fronte a una delle battaglie più importanti della storia per il futuro dei nostri figli e nipoti», conclude De Lia.

Un'iniziativa che parte dalle singole città come Catania, ma che «non ha una valenza locale - spiega Grazia Zuccarello del gruppo locale di Greenepeace, che ha contribuito ad organizzare il capitolo etneo della pedalata - anche noi aderiamo al movimento globale per salvare l'Artico». Supportano lo scopo internazionale raccogliendo firme e portando gli orsetti polari di #savethearctic in giro per il barocco catanese e invitano i cittadini a «partecipare tutti insieme alla manifestazione», perché «anche noi dobbiamo essere presenti e fare la nostra parte».

L'appuntamento è fissato per oggi  pomeriggio, a partire dalle 16, in piazza Stesicoro, dove ad attendere i ciclisti ci sarà il banchetto di Greenpeace in cui «registrarsi gratuitamente per ritirare il nostro kit - aggiunge Zuccarello - La partecipazione è libera, basta portare la propria bici e indossare una maglietta bianca». La pedalata polare partirà alle 18 e si snoderà lungo via Etnea, via Vittorio Emanuele, via Ventimiglia, via di San Giuliano, via Etnea, per poi ritornare in piazza Stesicoro. Il percorso è adatto a tutta la famiglia, bimbi compresi. A fare compagnia ai difensori dell'Artico etnei ci saranno orsi polari, palloncini e maschere con il logo #savethearctic, oltre ad attività per bambini e flash mob. Alla manifestazione parteciperanno anche Legambiente e WWF Catania. Per maggiori informazioni sull'iniziativa e sulle diverse tappe italiane basta consultare il sito www.greenpeace.it/pedalatapolare.

 

[Foto di Greenpeace Italia]

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×