Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La mostra di Renato Leotta nel parco botanico di Radicepura
«Immagini che restituiscono la nostra storia mediterranea»

Concepiti come una raccolta di appunti sulla natura del versante est delle pendici dell’Etna, gli scatti hanno come protagonista la relazione tra il vulcano e la flora indigena che vi prospera rigogliosa. Sarà visitabile fino al 19 dicembre. Guarda le foto

Alessia Sapienza

Foto di: alfio Garozzo

Foto di: alfio Garozzo

«Lo sguardo di Renato Leotta si sposa perfettamente con la nostra idea di giardino». Sono queste le prime parole del vicepresidente della fondazione Radicepura Mario Faro sulla mostra Appunti sul giardino: capperi, castagni, carrubi… inaugurata sabato nel proprio nel parco botanico Radicepura. «Stupisce la sua capacità di raccontare temi complessi in maniera semplice - aggiunge Faro - grazie a immagini che restituiscono il movimento, l'alternarsi del tempo e dei secoli in cui si è costruita la nostra storia mediterranea. A noi il compito di ritornare su quelle tracce e riuscire a inserirci in questo moto perpetuo e inarrestabile che ci ha portati fino a oggi»

Di origini acesi, anche se è nato a Torino, Renato Leotta è intimamente legato al territorio siciliano, dove abita da anni. Nei suoi costanti e continui processi di osservazione, tenta di identificare e circoscrivere una serie di immagini, visualizzate attraverso diversi media che, pur essendo in relazione con un tempo e uno spazio specifico, contengono un carattere universale. La mostra, costituita da una raccolta di fotografie, è concepita come una raccolta di appunti intorno alla natura del versante est delle pendici dell’Etna e ha per protagonista la relazione tra il Vulcano e la flora indigena che vi prospera rigogliosa. 

Le immagini esposte costituiscono una riflessione su un aspetto peculiare del giardino Mediterraneo, dove la presenza generosa della natura assorbe il tempo in una durata indefinita, scandita da un continuo rinnovamento. All’interno di questo contesto si inserisce anche l’opera dell’uomo che diventa, assieme alla natura, coprotagonista della stessa storia e cultura mediterranea che si rinnova nel tempo delle stagioni. Il lavoro dell’artista diventa un'affermazione di unità tra le due entità e le immagini registrate raccontano il paesaggio, misurando il tempo e immortalando il palpito della natura in questo angolo di Mediterraneo.

La mostra sarà visitabile fino al 19 dicembre del 2021 alla fondazione Radicepura che ha sede nel parco omonimo a Giarre e che da sempre promuove e diffonde sviluppo della cultura paesaggistica in ambiente mediterraneo sia attraverso la salvaguardia della biodiversità, sia attraverso percorsi educativi mirati a diffondere una cultura di rispetto e tutela dell’ambiente

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×