Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cannizzaro, assegnata direzione del 118 a Isabella Bartoli
«Aumenteremo personale medico e quello infermieristico»

Già referente sanitario per le Grandi emergenze, medico chirurgo specializzato in anestesia e rianimazione, da oltre vent'anni è in servizio alla centrale operativa dell'ospedale e dal 2014 ne è direttore facente funzioni

Redazione

Isabella Bartoli è da oggi direttore dell’Unità operativa complessa "Centrale operativa 118 Catania-Ragusa-Siracusa". È stata nominata a seguito del concorso pubblico con delibera del direttore generale dell’Azienda ospedaliera per l’emergenza Cannizzaro. Medico chirurgo specializzato in Anestesia e rianimazione, con dottorato di ricerca in Patologia traumatica degli arti, Bartoli da oltre vent’anni è in servizio alla Centrale operativa 118 del Cannizzaro, anche con ruoli di responsabilità, e dal 2014 ne è direttore facente funzioni. Dallo stesso anno è referente sanitario per le Grandi Emergenze della Regione Siciliana. Docente in vari corsi di formazione, all’attivo numerose pubblicazioni scientifiche, attualmente è componente del Comitato etico Catania 2.

La centrale operativa 118 che ha sede nell’ospedale Cannizzaro gestisce il servizio di emergenza-urgenza sanitaria nelle province di Catania, Ragusa e Siracusa: un bacino di 1,8 milioni di persone che nella stagione estiva supera i tre milioni, con 76 mezzi di soccorso, un elicottero e un modulo sanitario per le maxi-emergenze, cui afferiscono 250 medici e 800 infermieri. Con il conferimento dell’incarico di responsabilità di struttura complessa, in adesione a specifiche indicazioni da parte del presidente della Regione Nello Musumeci e dell’assessore alla Salute Ruggero Razza, la gestione della Centrale 118 del Cannizzaro viene adeguata a quella delle Centrali incardinate nelle altre aziende ospedaliere. 

«La figura del direttore è di fondamentale importanza – spiega il direttore generale Salvatore Giuffrida – nel coordinamento di un servizio estremamente articolato come quello svolto dalla Centrale operativa 118, in particolare in un territorio densamente popolato e caratterizzato da diversi fattori di rischio. Essa riveste un ruolo strategico nell’ambito del sistema di protezione civile, ma anche all’interno dell’azienda Cannizzaro, che è ospedale di riferimento per l’emergenza e sede anche della centrale del Numero unico emergenze 112. A conferma della rilevanza della funzione, nella dotazione organica della Centrale, di prossima approvazione, è prevista l’implementazione del personale fino a 41 infermieri e 7 medici».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×