Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rifiuti, gara per raccolta in 11 centri della provincia
Aperte le buste: ad Adrano scoppia il caso netturbini

L'appalto, diviso in due lotti, nel complesso vale circa 78 milioni di euro e prevede l'affidamento del servizio per sette anni. Sono quattro le imprese che hanno presentato l'offerta, due sono già state escluse. Sindacati criticano la Srr per decurtazione del personale

Simone Olivelli

Primi passi verso l'affidamento della raccolta dei rifiuti in una buona fetta della parte settentrionale della provincia. L'appalto da quasi 78 milioni di euro interessa un bacino di oltre centomila persone residenti nei comuni di Mascali, Fiumefreddo di Sicilia, Santa Venerina, Calatabiano, Linguaglossa, Piedimonte Etneo, Adrano, Randazzo, Maletto, Maniace e Castiglione di Sicilia. Quattro le offerte presentate all'Urega, l'ufficio che si sta occupando delle procedure di gara. A presentare l'offerta sono state Ecocar, la ditta che a inizio novembre ha avviato il servizio nel lotto sud di Catania, Ecolandia, General Montaggi ed Ef Servizi Ecologici. Quest'ultima è la società finita al centro dell'inchiesta Gorgoni, per il rapporto che avrebbe legato l'imprenditore Vincenzo Guglielmino, deceduto poco dopo l'inizio del processo, e il clan Cappello guidato dal boss Massimiliano Salvo

La Ef, sequestrata dal tribunale nel 2020 e dichiarata fallita poco prima dell'estate, tuttavia è stata già esclusa dalla commissione giudicatrice per l'impossibilità di dimostrare l'esecuzione, negli ultimi tre anni, di servizi della portata di quelli al centro dell'appalto. Stesso destino anche per la General Montaggi. In gara, così, restano soltanto Ecocar ed Ecolandia, le quali comunque sono chiamate a riscontrare, tramite il soccorso istruttorio, una serie di rilievi fatti dalla commissione.

L'appalto, che riguarda l'affidamento settennale del servizio di raccolta è conferimento, è diviso in due lotti. Non è prevista la possibilità che la stessa ditta svolga il servizio in tutti e undici i Comuni. Ciò significa che se la documentazione di Ecocar ed Ecolandia dovesse essere completa, le due imprese avranno la garanzia di vincere uno dei due lotti. A far parte del primo, il cui valore è di poco inferiore a 35 milioni, sono i comuni di Mascali, Fiumefreddo di Sicilia, Santa Venerina, Calatabiano, Linguaglossa e Piedimonte Etneo. Chi si aggiudicherà il secondo - valore complessivo superiore a 42 milioni - dovrà occuparsi dei territori di Adrano, Randazzo, Maletto, Maniace e Castiglione di Sicilia.

Il capitolato d'appalto prevede l'introduzione del porta a porta con il sistema dell'individuazione puntuale delle utenze e dei rifiuti conferiti. Ciò significa che, entro due anni dall'avvio del servizio, le ditte aggiudicatrici dovranno fornire ai residenti contenitori dotati di etichette e microchip. Questi ultimi serviranno agli operatori ecologici per la registrazione dei conferimenti tramite dispositivi installati sui mezzi utilizzati per la raccolta. Per quanto riguarda il personale, nel complesso l'appalto dovrebbe coinvolgere duecento unità distribuite negli undici Comuni. Una previsione che nelle ultime settimane ha suscitato qualche polemiche ad Adrano, dove - a fronte di un fabbisogno di 49 figure individuato nel piano d'ambito della Srr - attualmente sono un'ottantina le persone impegnate nella raccolta. Stando a quanto trapela dagli uffici della Società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti, l'esubero sarebbe legato a un maggiore impiego di personale nell'ambito della gara ponte indetta negli anni scorsi ad Adrano. I sindacati chiedono alla Srr di prevedere il mantenimento dei livelli occupazionali, mentre l'ente dal canto suo ha deciso di andare avanti tenendo conto del piano d'ambito.

Proprio il Comune etneo negli ultimi mesi ha avviato le procedure per un nuovo affidamento del servizio per dodici mesi. La gara, che attualmente è in corso di svolgimento, vale oltre tre milioni e mezzo di euro e vede la partecipazione di cinque imprese. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×