Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tornati (a casa) per tempo, Stabile sfida cliché della tv 
Se il teatro si trasforma in una serie di quattro episodi

L'opera messa in scena da Nicola Alberto Orofino e scritta insieme a Roberta Amato, Giovanni Arezzo e Alice Sgroi è «un racconto che crediamo possa essere esaltante ed emozionante per il pubblico»

Alessia Sapienza

La pandemia, che ci ha chiusi in casa nei lunghi mesi del lockdown, ha obbligato tutti, o quasi, a impegnare il tempo nelle attività più disparate e così gli italiani si sono improvvisamente riscoperti cuochi, pasticceri, panificatori, appassionati del bricolage e amanti del fitness. Un posto d'eccezione, all'interno di questa speciale classifica, lo occupa sicuramente la Tv, inseparabile compagnia durante le settimane più buie. Grazie a lei - ai suoi programmi di approfondimento e alle serie presenti nelle numerose piattaforme in streaming - il popolo italico non solo è diventato esperto di medicina, di virologia, di gestione delle emergenze sanitarie e profondo conoscitore delle grandi verità mondiali, ma anche regista e critico televisivo.

A spostare gli spettatori dall'ormai sformato divano di casa alle poltrone di velluto rosso di nuovo finalmente fruibili al cento per cento, ci ha pensato Nicola Alberto Orofino con Tornati (a casa) per tempo, l'ambizioso progetto prodotto dal teatro Stabile di Catania scaturito dall’esigenza di capire come il format di serialità, che oggi trionfa in tv, possa essere applicato alla recitazione dal vivo.

Cosa succede quando uno spettacolo teatrale diventa una serie? Cosa quando il pubblico assiste alla puntata non in streaming ma in una sala teatrale? A dare la risposta è lo stesso regista: «Ci siamo divertiti a impiegare i cliché delle serie tv contemporanee come i riassunti delle puntate precedenti, l'ordine artificiale e non cronologico degli eventi, suspense del finale di puntata, finale di stagione aperto. Il risultato - spiega Orofino - è un racconto che spazia nei generi e nelle forme del teatro (commedia, monologo, testo corale, tragedia…) in cui nulla è come sembra. Un racconto che crediamo possa essere esaltante ed emozionante per il pubblico».

La storia scritta da quattro autori siciliani - Roberta Amato, Giovanni Arezzo, Nicola Alberto Orofino, Alice Sgroi - racconta di tre fratelli, figli di un rinomato direttore d'orchestra, che per anni non si sono visti (ma si sono tenuti d'occhio a distanza) e che si ritrovano nella casa natia attorno alla bara del padre, morto in seguito a un incendio che si è sviluppato all'interno dell'abitazione. Il rogo, che ha ricoperto le mura di fuliggine, ha distrutto tutto, tranne un quadro: il ritratto del genitore defunto.

A contrapporre i tre fratelli tra di loro è il testamento, attorno al quale si sviluppa un’accesa contesa. Cosa combinerà la moglie di uno dei tre - interpretata da Cristiana Raggi - nella prossima puntata? Riusciranno i tre fratelli, impersonificati magistralmente da Salvo Drago, Luca Fiorino e Carmen Panarello, a fare i conti con il proprio passato e a trovare un accordo? Al momento l'obiettivo sembra molto lontano.

Il primo episodio, Tutta la puzza della vita, è già andato in scena nella sala Verga. La visione degli altri è in programma ogni lunedì fino al 20 dicembre.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×