Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cinema Sarah, dal prestigio al sequestro
L'esperto: «Era uno dei più belli di Catania»

La sala hard di via Sangiuliano, insieme ad altre cinque tra Milano, Genova e Mestre, è finita al centro di un'inchiesta delle procura milanese perché, secondo l'accusa, al suo interno si sarebbero svolte «prestazioni sessuali a pagamento». In tre sono finiti in manette e altri 20 sono indagati per favoreggiamento della prostituzione anche minorile e associazione per delinquere. Ma il locale, oggi sotto sigilli, vanta una storia importante: il più antico in città, fino agli anni '60, prima del porno, era considerato tra i migliori del quartiere

Perla Maria Gubernale

C'è anche il Sarah, storica sala hard di via Sangiuliano, tra i sei cinema porno sequestrati ieri tra Milano, Mestre, Genova e Catania perché, secondo quanto emerso da un'inchiesta coordinata della procura milanese, al loro interno si sarebbero svolte «prestazioni sessuali a pagamento offerte da persone di sesso maschile (omosessuali, transessuali, ragazzi di giovane età anche minorenni)» agli uomini presenti. Locali destinati alle proiezioni gestiti come case di tolleranza gay, secondo l'accusa, in cui i clienti, «con il pretesto della visione cinematografica, potevano usufruire di tali prestazioni pagando il solo biglietto per la visione del film e permanere ininterrottamente nella sala», si legge nell'imputazione. In tre sono finiti in manette: si tratta di Salvatore Di Liberto, Salvatore Germanà e Giuseppe Santo Lanzafame, figura conosciuta nel mondo dei cinema catanesi e gestore di diverse sale nel capoluogo etneo e non solo. Altri 20, invece, gli indagati. Al centro dell'inchiesta i reati di favoreggiamento della prostituzione anche minorile e di associazione per delinquere.

Un provvedimento che ha portato ad apporre i sigilli anche ad una tra le sale hard più conosciute della città etnea, nonché tra le prime ad ospitare le proiezioni pornografiche in città negli anni '70. Ma che non è stata sempre un cinema porno e che vanta un passato di prestigio. «Il Sarah - spiega Alberto Surrentino, cinefilo e gestore del cinema King, (tra le sale etnee di proprietà di Lanzafame) - è il più antico di Catania a livello di struttura». Con una storia lunga quasi 130 anni. «Fu fondato nel 1887 - continua Surrentino - e allora si chiamava teatro Principe di Napoli e proponeva spettacoli teatrali di prosa». Negli anni '20 cambiò il nome in Vittorio Emanuele «divenendo un cinema varietà, ibrido molto diffuso all'epoca, in cui si alternava una programmazione cinematografica non continuativa a spettacoli di varietà». Intorno agli anni '30, poi, «prese il nome di Alhambra, senza però modificare la sua programmazione», fino al '53, quando «si trasforma in Sarah e si dedica esclusivamente alle proiezioni di film».

Durante gli anni d'oro, il Sarah «era un ottimo cinema, di prima visione - sottolinea Surrentino - Una sala sì di quartiere, ma con una buona programmazione». Però il suo prestigio durò fino alle fine degli anni '60, quando il locale di via di Sangiuliano - insieme a tutti gli altri cinema di San Berillo, ex quartiere a luci rosse etneo - subì la decadenza e il degrado della zona, causati dalla chiusura delle case di tolleranza, imposta dalla legge Merlin. E fu costretto a convertirsi gradualmente in un cinema di serie b.

[caption id="attachment_96709" align="alignleft" width="123"] Un "tamburino" del 1986[/caption]

«Durante la prima metà degli Anni 70, tra il '73 e il '75, il Sarah proponeva già film vietati», racconta l'esperto. Proiezioni «per adulti alla ricerca di emozioni forti, prevalentemente erotiche, ma anche altre "novità", come i primi horror splatter», spiega. Insieme all'introduzione, sempre più massiccia, dei precursori dell'hard: «film erotici con insert pornografici». Ma fu tra il '76 e il '77, con l'uscita nelle sale di Gola profonda e l'arrivo ufficiale del porno in Italia, che la sala di via di Sangiuliano si guadagnò il primato di «primo cinema catanese, insieme al Sangiorgi, a convertirsi esclusivamente in porno». Anche se all'epoca la concezione dell'hard era diversa rispetto ad oggi. «Lo switch fu graduale - continua Surrentino - Negli anni 70 la distinzione era sfumata e il porno non si identifica subito». Allora, infatti, la pornografia non si conosceva come adesso e per l'opinione pubblica si trattava di un genere come un altro. «Era normale vedere sui tamburini dei giornali la programmazione "normale", per famiglie, insieme a quella porno. Non si scandalizzava nessuno».

Prima della recente chiusura per motivi giudiziari, il Sarah era uno dei pochi cinema porno rimasto in città. E oggi, del prestigio che si era guadagnato fino a cinquant'anni fa, rimane solo il ricordo. «Adesso è ridotto ai minimi termini, ma era uno dei cinema più belli di Catania - sottolinea Surrentino - Ha una grande tribuna ed è ospitato da uno stabile molto interessante dal punto di vista architettonico». Ma 30 anni di pornografia lo hanno portato alla decadenza, senza possibilità di tornare indietro. «Negli anni '80, quando parte del quartiere fu riqualificata, per il Sarah era ormai troppo tardi - continua l'esperto - Aveva alle spalle già dieci anni di porno, genere tra l'altro molto remunerativo». Ma nonostante tutto, Surrentino non ha dubbi: «il Sarah è stata una sala importante per la città e avrebbe di certo meritato una sorte migliore».

 

[Foto di mick62 e Alberto Surrentino]

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×