Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Wind Jet, giudizio negativo per il concordato
Il 27 settembre il voto finale dei creditori

In attesa dell'udienza della prossima settimana che potrebbe mettere fine alla vicenda della low cost catanese, arriva il parere negativo del commissario giudiziale sulla proposta di accordo tra azienda e creditori. Un'idea di Antonino Pulvirenti per evitare il fallimento già fatta a pezzi in questi mesi dalle associazioni dei consumatori che l'hanno definita «il concordato beffa» per lo scarso rimborso previsto per i passeggeri. Ai quali spetta comunque l'ultima parola

Claudia Campese

Per la vicenda Wind Jet sembra allontanarsi ancora una volta la parola fine. Dopo il via libera alla possibilità di un concordato preventivo che dovrebbe risarcire i creditori della low cost etnea evitando il fallimento dell'azienda - decisione presa a maggio dal tribunale fallimentare di Catania -, è arrivato il giudizio negativo del commissario giudiziale Mario Libertini proprio nel merito della proposta di concordato. Che, secondo il legale, «non offre, allo stato, margini di garanzia sicuri ai creditori chirografari». E cioè i creditori ordinari, tra cui i passeggeri che attendono ancora il risarcimento dei loro viaggi sfumati. Una nota dolente a pochi giorni dall'udienza del 27 settembre in cui toccherà agli stessi creditori valutare se accettare o meno la proposta.

Ancora più convinta a spingere per il rifiuto dell'offerta, specie dopo il giudizio di Libertini, è da mesi la Confconsumatori Sicilia. Che ha definito la proposta di Antonino Pulvirenti «il concordato beffa». Nell'idea del proprietario di Wind Jet, con l'accordo proposto, i dipendenti - considerati creditori privilegiati - riceverebbero il 47,825 per cento del credito vantato, mentre ai creditori ordinari - tra cui i passeggeri - spetterebbe il 5 per cento. Quattro volte di più della proposta iniziale di Pulvirenti, ma comunque una percentuale irrisoria secondo i cittadini di tutta Italia che in queste settimane, tramite le associazioni dei consumatori e direttamente al tribunale etneo, stanno facendo pervenire il loro voto contrario al concordato.

Ma non solo. Secondo Confconsumatori, la percentuale prevista da Wind Jet come risarcimento ai suoi ex clienti sarebbe anche calcolata su una base sbagliata. «Gli importi che la compagnia ha indicato come credito dei passeggeri sono relativi al solo costo di acquisto dei biglietti e/o dei carnet, senza nessun inserimento degli importi relativi alla compensazione pecuniaria che spetta in casi di cancellazione del volo al passeggero - scriveva l'associazione a luglio e ripete da mesi - Ciò conferma ulteriormente, qualora ce ne fosse bisogno, l'incongruità della proposta».

Adesso giudicata poco conveniente per i creditori ordinari anche dal commissario giudiziale Mario Libertini. Una decisione che potrebbe far propendere per il rifiuto del concordato anche i diretti interessati, chiamati a votare il 27 settembre ed entro i 20 giorni successivi. «Il voto contrario dei creditori resta ancora, per Confconsumatori, la strada da percorrere per scongiurare l'approvazione - conclude l'associazione in una nota - E per far sì che la compagnia si decida a formulare un'altra e più ragionevole proposta».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×