Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania-Palermo, Luca Moro si prende il derby
Decide una doppietta del bomber rossazzurro

L'attaccante degli etnei prima porta in vantaggio i suoi con la solita freddezza dal dischetto e poi chiude la partita a cinque minuti dal termine. I rosanero, spenti e nervosi, adesso sono a cinque punti dalla vetta. Il Catania punta i playoff

Antonio Costa

Un derby d’altri tempi, emozioni che non si vivevano da anni, forse addirittura dalle sfide giocate nel campionato di serie A. Il pomeriggio del Massimino regala ai tifosi rossazzurri una gioia messa da parte per troppo tempo, grazie a una partita che ha sempre fatto storia a sé. Il Catania vince nettamente il derby contro il Palermo, battuto 2-0 in un pomeriggio freddo ma riscaldato dalle scintille che solo una partita come questa può regalare e dal calore che i tifosi presenti sugli spalti hanno trasmesso costantemente alla squadra di Francesco Baldini.

Assoluto protagonista è stato Luca Moro. Continua a stupire tutti e pure oggi ha messo il timbro sul successo dei suoi, con una doppietta che è ormai diventata un marchio di fabbrica, portandosi a quota 18 reti in quindici partite, con una media realizzativa di un goal ogni 67 minuti. Non ci sono solo le reti di Moro però in questo derby, caratterizzato anche dalla supremazia assoluta dimostrata sul campo dal Catania sul Palermo, che malgrado il secondo posto in classifica sembra aver risentito maggiormente della tensione emotiva che solo chi gioca un derby può accusare.

Ci sono poi l’espulsione di Russini, che aveva spaventato il Catania, ma anche quella ingenua rimediata per un battibecco con un raccattapalle da Almici, raggiunto pochi minuti dopo negli spogliatoi da Luperini, anche lui cacciato dal direttore di gara. Il Palermo resta così secondo con 32 punti e a cinque lunghezze dal Bari capolista, il Catania si porta a quota 23 e torna a puntare la zona playoff.

La squadra di Baldini voleva vincere a tutti i costi e il mister lo aveva detto alla vigilia, dimostrando per l’ennesima volta di essere concentrato solo sul campo e di aver trascinato sulla stessa lunghezza d’onda i suoi giocatori, che hanno giocato con la mente libera ben sapendo cosa avevano lasciato fuori dal rettangolo di gioco. Male la formazione rosanero, con Filippi apparso più nervoso dei suoi e mostratosi impotente davanti al carattere degli avversari.

Pazzi di gioia i tifosi rossazzurri, letteralmente esplosi sia dopo il rigore trasformato con la solita tranquillità al 23’ da Moro che dopo il raddoppio siglato all’85’ dallo stesso numero 24 etneo, capace di lasciare senza fiato e saltare come birilli i difensori avversari. Un successo che fa dimenticare ai sostenitori etnei la rabbia per le lunghe code che hanno trovato fuori dall’impianto e che hanno impedito a molti di entrare dentro al Massimino prima del fischio d’inizio, portandoli addirittura a prendere posto solo dopo un quarto d’ora abbondante di partita. Momenti di nervosismo trasformati in felicità a fine partita, con il giro di campo fatto dopo il fischio finale dalla squadra di Baldini, che ha concluso come sempre la sua corsa cantando e saltando insieme ai tifosi sotto la curva Nord.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×