Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Al teatro Stabile va in scena la vita di Tina & Alfonsina
Dall'Italia al Sud-America, schivando i colpi della storia

Ancora donne protagoniste alla sala Verga: Tina Modotti e Alfonsina Strada, in un testo di Claudio Fava per la regia di Veronica Cruciani. Due percorsi spogliati del loro freddo ruolo storico, messi a nudo tra palco e schermi e coperti di passioni e cicatrici

Alessia Sapienza

Due donne diverse, Tina & Alfonsina. Due percorsi personali paralleli nella storia dei primi del '900, ma che sul palco dialogano la lingua comune della voglia di emancipazioneTina Modotti, una delle più grandi fotografe del XX secolo, lo fa lasciando l’Italia e stabilendosi in America dove, grazie alla sua macchina fotografica, riuscirà a imporsi e a trovare il suo posto nel mondo. Alfonsina Strada, prima e unica donna a partecipare al Giro d’Italia, lo fa attraverso quella biciletta che diventerà per lei il volano per raggiungere l’indipendenza e affermarsi con la sua identità di donna.

Sul palco – dove spiccano due schermi, una telecamera e un piccolo set di registrazione – le due protagoniste, interpretate da Francesca Ciocchetti e Aglaia Mora, si raccontano senza filtri in un continuo gioco tra realtà e finzione. Entrando e uscendo dalla cornice luminosa della camera di registrazione, passano da attrici a registe l'una della vita dell'altra, in un mix perfetto tra recitazione e immagini video preregistrate curate dal video maker Lorenzo Letizia. Così le due figure, spogliate del loro ruolo storico, dentro il frame luminoso che domina la scena ideata da Paola Villani appaiono per come sono: due donne che si mettono a nudo, coperte soltanto dalle loro passioni e cicatrici.

Le due storie parallele si muovono veloci nello scenario fortemente mutevole dei primi decenni del Novecento, con la politica a dominare le vite dei cittadini e ancora di più delle donne. Dal fascismo in Italia agli intellettuali comunisti in Sud-America, nessuno regalerà niente alle due protagoniste. E il pubblico - agevolato dalla drammaturgia sonora di John Cascone, ai costumi di Riccardo Cappello e dalle luci di Gaetano La Mela - può cogliere agevolmente l’ansia delle di Tina e Alfonsina di rincorrere un sogno, ma anche il coraggio di superare stereotipi e pregiudizi ben radicati.

Un testo attuale quello scritto da Claudio Fava, non solo perché mostra - come dicono le protagoniste - «quanto è difficile essere donne», specie «quando nascono nella terra sbagliata», ma anche perché punta l’indice verso alcuni anacronistici cliché che, ancora oggi, continuano a vedere le donne determinate e indipendenti come persone fuori dal loro posto nel mondo.

Tina e Alfonsina, con caparbietà, raggiungono i propri obiettivi. Ed è così che, come per incanto, annullano le distanze geografiche: si ritrovano vicine, parlano della loro vita trascorsa sempre con il vento sbattuto in faccia e di come siano riuscite a schivarne i colpi. Ce l’hanno fatta. Tina dal cinema ai salotti, Alfonsina dalla campagne emiliane: sono uguali, sono una accanto all’altra. Il loro cuore battagliero è stato sempre uno e adesso può finalmente smettere di combattere.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×