Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il bene confiscato a Librino non andrà più ai senzatetto
Assessore: «Ci siamo accorti ora che è troppo decentrato»

Dopo un iter durato quasi due anni e le rassicurazioni fatte a giugno dall'amministrazione che ormai sarebbe stata solo «questione di giorni», arriva la decisione che lascia i clochard ancora per strada. «È una situazione paradossale e scandalosa», lamentano da Arbor

Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Il bene confiscato di via Federico Delpino, nel quartiere Librino, non accoglierà i senzatetto. E non è più solo questione di tempo. Dopo un iter lungo quasi due anni e la speranza che anche la città di Catania potesse avere un dormitorio pubblico, l'amministrazione comunale si è accorta che «la struttura è troppo decentrata - ammette a MeridioNews l'assessore ai Servizi sociali Giuseppe Lombardo - e ce ne siamo resi conto all'atto pratico dell'insediamento». Avrebbe dovuto essere una casa per 25 clochard etnei e, invece, è rimasto vuoto. Mentre gli oltre ottanta senza fissa dimora continuano a vivere per strada, anche in piena pandemia, tra ordinanze anti-bivacco del sindaco Salvo Pogliese, sfratti da panchine e pensiline per «occupazione di suolo pubblico» e rimozione di quelle che l'ex assessore leghista Fabio Cantarella aveva definito «villette di cartone». 

Adesso, quell'edificio nel quartiere periferico della città metropolitana sarà «destinato a un altro tipo di attività sociali», come ha detto l'assessore Lombardo ma che, almeno per il momento, restano non meglio precisate. Mentre per la realizzazione di un dormitorio è necessario ricominciare da zero con tutte le procedure. «Dobbiamo ripartire dal mettere a gara i fondi per un altro bene in una zona più centrale della città», dice il membro dell'amministrazione Pogliese. «Quello che è successo è davvero paradossale - commenta al nostro giornale Dario Gulisano, volontario di Arbor, unione per gli invisibili - Come è possibile che in due anni l'amministrazione non sia stata in grado di capire che il bene non era adatto a essere un dormitorio per i senzatetto perché si trova in un luogo dislocato rispetto al centro?». A giugno scorso era stato proprio l'assessore Lombardo ad assicurare a MeridioNews che era «questione di giorni» e poi la struttura sarebbe stata pronta all'uso

E, invece, per l'ennesimo inverno i clochard resteranno senza un tetto sopra la testa anche perché «il tendone tensostatico della Croce Rossa che nel 2019 era stato allestito in piazza della Repubblica non è più possibile utilizzarlo per motivi sanitari legati alla pandemia», afferma Lombardo che esclude anche la possibilità di riaprire ai senza fissa dimora la struttura del Palaspedini come è già stato fatto per i giorni dell'allerta meteo per il ciclone. «Già in quella occasione - chiarisce l'assessore - era stata una forzatura anche perché nell'impianto ci sono associazioni che svolgono regolarmente attività sportiva». E così passano le estati e passano gli inverni con la questione del disagio abitativo declinata solo come un problema di decoro pubblico. «Abbiamo sempre sostenuto - dice Gulisano - che sarebbe stato preferibile un edificio in una zona più centrale per favorire l'inclusione ed evitare la ghettizzazione nelle periferie. Ma non ci saremmo mai aspettati - continua il volontario - che l'amministrazione se ne fosse accorta ora, dopo una procedura durata circa due anni, lasciando ancora i clochard senza una casa. È una situazione assurda e scandalosa: questa amministrazione - conclude - ha dimostrato, ancora una volta, di non avere un minimo di sensibilità nei confronti degli ultimi che, piuttosto, vorrebbe soltanto rendere invisibili». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×