Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Medicina, falliscono gli studenti siciliani
Invasione dal Nord degli atenei dell'isola

Dal prossimo anno 333 studenti non isolani frequenteranno gli ambitissimi corsi nelle tre università di Palermo, Messina e Catania. Le graduatorie sono ancora in fase di scorrimento, ma il dato certo è che i test di selezione degli aspiranti medici hanno sancito una grossa sconfitta per i diplomati siciliani. Unica eccezione la città etnea, che cederà solo 21 posti. Merito, secondo il presidente del corso di laurea Gaetano Catania, della rigorosità: «Da noi gli esami di ammissione si svolgono con la massima severità e i nostri studenti sono più preparati perché sanno che non si imbroglia»

Débâcle degli ottomila studenti siciliani impegnati nei test per l'accesso alla facoltà di Medicina e chirurgia. L'esame più ambito, che da quest'anno è su base nazionale e non più regionale o relativo ai singoli atenei, ha sancito la netta sconfitta delle aspiranti matricole isolane nei confronti dei colleghi d'oltre stretto. Ieri, infatti, il Miur ha pubblicato le tanto sospirate graduatorie attese da oltre 69mila giovani in tutto il Paese e le tre università siciliane dall'anno prossimo vedranno tra i propri banchi studenti provenienti da altre regioni, soprattutto Lombardia e Veneto. Secondo i risultati dell'esame, sono 682 i posti conquistati dai siciliani, ma ben 333 verranno occupati da colleghi non isolani.

A Messina il risultato peggiore: su 240 posti messi a disposizione, sono stati solo 95 gli studenti siciliani ammessi. Brutto colpo anche per Palermo, dove i posti contesi erano 425. Dall'anno accademico 2013-2014 saranno 156 i giovani provenienti da altre regioni che seguiranno i corsi e sosterranno gli esami all'ombra del monte Pellegrino. Si difende invece Catania. Su 339 posti liberi, solo 21 non sono stati conquistati da studenti isolani.

Un risultato che, nella diatriba sull'esodo di studenti del Nord verso le aule a sud dello Stivale, discosta gli etnei dai posizionamenti meno brillanti ottenuti dai colleghi del resto dell'isola. «È stata una soddisfazione», commenta Gaetano Catania, presidente del corso di laurea in Medicina dell'università catanese. La maggior parte degli aspiranti camici bianchi ammessi all'ombra dell'Etna, infatti, proviene dal capoluogo e dalla provincia di Catania. Un dato che, secondo il docente, anche alla luce della graduatorie 2013-2014, dimostra come si stia «riportando la città etnea tra le migliori a livello nazionale». E che, a dire del presidente, dipende dal rigore dell'ateneo nella selezione. «Da noi gli esami di ammissione si svolgono con la massima severità - spiega Catania - e i nostri studenti sono più preparati perché sanno che non si imbroglia. Formiamo medici - sottolinea il docente - e dobbiamo necessariamente essere rigorosi».

Severità che, secondo il presidente del corso di laurea in Medicina etneo, «probabilmente gli altri atenei isolani applicano in misura minore» e che spinge i giovani catanesi a prepararsi meglio a partire dagli anni della scuola superiore. «I nostri licei danno già una buona preparazione - precisa Catania - che viene completata dai corsi privati o da quello messo a disposizione dall'università, che è di certo ottimo». Parte del merito va anche alla graduatoria, da quest'anno su base nazionale, «utile perché una selezione unica mette a pari livello gli studenti di tutti gli atenei in base alla preparazione, senza fare distinzione tra Nord e Sud», conclude il presidente.

Le graduatorie non sono ancora definitive, dato che ogni studente al momento dell'iscrizione al test ha indicato più atenei tra i quali scegliere e non sono escluse variazioni fino all'ultimo minuto. Il primo scorrimento si avrà lunedì prossimo: lo studente definito assegnato ha ottenuto posto nella sede scelta e può immatricolarsi entro il 4 ottobre, quello prenotato è in graduatoria, ma non nell'università prescelta e ha quindi quattro giorni in più per decidere in base ai normali spostamenti della classifica. La preferenza, però, è permessa solo fino ad esaurimento e oltre la metà dei 10.456 che hanno superato la prova ha svolto l'esame in un'università del Nord, anche se non è escluso che una percentuale di diplomati meridionali abbia inserito come prima scelta un'università lontana da casa. Esauriti presto i posti a disposizione negli atenei settentrionali, i candidati senza sede, ma con buoni punteggi, dovranno essere riposizionati nei posti a disposizione anche più a Sud.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×