Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Carmelo Nicotra si dimette da vicepresidente del Consiglio
«Mi candido alle Regionali». L'invito di Bianco: «Ripensaci»

I suoi sono stati i primi cartelloni elettorali della tornata del 2022. Nicotra ha chiarito che manterrà la carica di consigliere del gruppo In campo con Pogliese. L'ex sindaco: «La carica di vicepresidente non è così impegnativa da renderlo incompatibile»

Marta Silvestre

La sua candidatura alle elezioni regionali del 2022 da tempo non è un mistero. I cartelloni 6x3 di Carmelo Nicotra che sono stati esposti in bella vista lungo le strade più trafficate di Catania avevano anche creato una certa confusione perché comparsi nel periodo in cui la campagna elettorale nel vivo era quella per le Comunali. Pochi minuti fa, nel corso di una seduta del consiglio comunale, Nicotra - collegato in videoconferenza - ha comunicato a tutta l'aula di avere rassegnato le dimissioni da vicepresidente del civico consesso

«Ringrazio per la collaborazione il presidente e i colleghi che hanno creduto in me. Adesso - ha detto l'ormai ex vicepresidente - impegni personali e professionali, e anche la mia candidatura alle Regionali non mi permettono di svolgere al meglio il mio ruolo. Lo lascio a qualche collega che, per questo anno e mezzo che rimane, potrà farlo nel migliore dei modi», ha aggiunto prima di sottolineare che manterrà la carica di consigliere comunale del gruppo In campo con Pogliese. Mentre il presidente del consiglio comunale Giuseppe Castiglione sembrava volere liquidare la questione piuttosto velocemente con un secco «buon lavoro e buona fortuna», a chiedere di prendere la parola è stato il consigliere d'opposizione ed ex sindaco Enzo Bianco per esprimere «il mio apprezzamento e la mia stima nei confronti del collega che invito a riflettere a non dimettersi anche perché la carica di vicepresidente non è così impegnativa da renderlo incompatibile con altri impegni o con un'altra candidatura». 

Per Nicotra, quella del prossimo anno, non sarà il primo tentativo di arrivare all'Ars. Con un passato da centrista, il consigliere nel 2017 aveva corso per uno scranno a sala d'Ercole con la lista di Fratelli d'Italia. I circa cinquecento voti ottenuti non erano tuttavia bastati a superare Gaetano Galvagno, unico dei meloniani eletto nel Catanese. «Crediamoci insieme» è adesso lo slogan dei suoi manifesti in cui accanto al suo volto e sotto il suo nome e cognome spunta di nuovo il simbolo del partito guidato da Giorgia Meloni.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×