Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Santa Marta, l'interesse della Soprintendenza per l'edificio 
L'Asp è pronta a cedere la struttura del vecchio ospedale

Si tratta della villa settecentesca del quartiere Antico Corso che oggi, dopo l'abbattimento del nosocomio, è visibile tra via Santo Bambino e via di Sangiuliano. L'immobile, anni fa, era stato donato da privati

Carmelo Lombardo

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Una storica villa del Settecento che adesso si affaccia sullo spiazzale dove fino a pochi mesi fa si ergeva la struttura dell'ex ospedale Santa Marta-Villermosa, nel quartiere Antico Corso di Catania. L'immobile si trova tra via di Sangiuliano e via Santo Bambino e si è riappropriato della vista dopo la demolizione del nosocomio iniziata a novembre e quasi ultimata. A essere visibile, infatti, è la facciata dell'edificio che tanti anni fa fu donato da privati al Santa Marta, che lo acquisì nel suo patrimonio: la villa si trova nella parte retrostante alla struttura in fase di abbattimento. Da qualche mese, a manifestare il proprio interesse sull'immobile è stata la Soprintendenza ai Beni culturali di Catania, che qui adesso vorrebbe trasferire la propria sede. Lo storico edificio, di proprietà dell'Azienda sanitaria provinciale, da anni è rimasto vuoto, ancora prima che, alla luce della ridefinizione della nuova rete ospedaliera, la Regione decidesse di abbattere l'ospedale Santa Marta. L'obiettivo è quello di dare al quartiere una mega piazza con una pergola fotovoltaica (una struttura alta 14 metri per 1200 metri quadrati capace di produrre 150kw all'ora), con all'interno un'area a verde. Inoltre, sarà realizzato un serbatoio per raccogliere le acque meteoriche: tutto ciò è previsto dove una volta c'era il vecchio nosocomio, secondo un progetto realizzato dell'architetto Giuseppe Scannella.  Ad annunciare il progetto un anno fa fu il presidente della Regione Nello Musumeci

Adesso, con la demolizione dell'ospedale, i riflettori si sono concentrati sulla villa settecentesca, per cui lo stesso Mucumeci non ha nascosto la volontà di poterla affidare alla Soprintendenza etnea. Almeno, questo è quello che sembra emergere dai documenti prodotti dalla giunta regionale in queste ultime settimane. L'iniziativa è maturata già il 18 novembre, quando la Soprintendenza, attraverso una nota, ha trasmesso un documento con le indicazioni date dalla stazione appaltante - ovvero il Genio civile - con la stima sommaria delle spese necessarie al restauro e al risanamento dell'immobile: la somma stimata per i lavori complessivi è di 8 milioni e 209mila euro. La proposta viene accolta da Musumeci che, il 29 novembre, probabilmente con l'intento di accelerare le operazioni di consegna dell'immobile - attualmente ancora di proprietà dell'Azienda sanitaria - propone alla sua giunta di dare alla Soprintendenza le autorizzazioni per avviare l'affidamento dell'attività di progettazione per una cifra di 719mila euro. In pochi giorni, tutto procede speditamente. Con la delibera dell'11 dicembre, è sempre Musumeci a proporre di reperire le somme per affidare la progettazione dei capitoli di bilancio della Regione intestati al dipartimento regionale del Bilancio e tesoro.

A confermare la possibile acquisizione dell'immobile sono gli stessi enti interessati. «I contatti per il trasferimento dell'immobile dall'Asp sono più che avviati - fanno sapere dagli uffici della Soprintendenza a MeridioNews - Il trasferimento non è stato formalizzato, ma ci saranno altri incontri per definire i passaggi amministrativi. La Soprintendenza ha manifestato il proprio interesse dato che i locali in cui si trova adesso non sono adeguati. Anche dalla Regione - affermano - si sono trovati d'accordo di fronte alla proposta di affidare questo edificio storico a un ente che si occupa della tutela dei beni culturali. L'immobile era chiuso da anni quindi, oltre alla restaurazione, si dovranno ripristinare tutti gli impianti». 

I passaggi sono contenuti proprio nell'ultima delibera, che ha autorizzato la Soprintendenza a procedere con l'attività di affidamento della progettazione per il restauro di questo immobile storico. La stessa Soprintendenza dovrà individuare la procedura più idonea per definire la gara. Anche l'Asp - contattata da questo giornale - fa sapere che il passaggio potrebbe essere imminente. Questa operazione mira a proseguire l'intento di valorizzare il quartiere, sulla collina di Montevergine che, oltre a ospitare diverse facoltà universitarie, è anche zona di estremo interesse archeologico. Per velocizzare l'iter, dunque, toccherà alla Soprintendenza affidare la progettazione delle opere. Al momento, si attende la procedura di affidamento delle attività: in base alla legge 55 (commi 4 e 5) dello sblocca cantieri del 2019 - testo che regola il codice degli appalti - i soggetti attuatori per gli anni che vanno dal 2019 al 2023 «possono avviare le procedure di affidamento delle opere anche in caso di disponibilità di finanziamenti limitati alle sole attività di progettazione». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×