Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

S. M. la Scala, tornati a casa gli abitanti di via Mulino
Genio civile certifica messa in sicurezza della timpa

All'assessorato alle Infrastrutture, il 21 ottobre, è stato firmato un decreto che contiene il documento che ufficializza la corretta esecuzione dei lavori sul costone. Reperirlo per il Comune non è stato facile, anche per via dell'inchiesta Genius sulla corruzione

Simone Olivelli

La sorpresa, attesa per mesi, è arrivata subito dopo Natale. Da una decina di giorni i residenti di Santa Maria la Scala, che a novembre 2020 avevano dovuto abbandonare le proprie abitazioni in seguito a una frana sulla timpa di Acireale, hanno la possibilità di rientrare negli immobili che si trovano tra i civici 34 e 54 di via Mulino, sul lungomare della frazione acese. Ad autorizzare il ritorno è stato, il 28 dicembre, il sindaco Stefano Alì con un'ordinanza che revoca il provvedimento di sgombero. 

Il provvedimento è seguito a una comunicazione arrivata dal Genio civile di Catania, tramite cui è stata fatta luce sui lavori sul costone che sovrasta via Tocco, stradina a monte rispetto a via Mulino. La messa in sicurezza, fondamentale per eliminare i rischi per i residenti dopo lo smottamento che aveva fatto finire a valle un grosso masso, sono stati conclusi a inizio 2021 ma da allora non era mai stato fornito all'ente comunale il certificato di regolare esecuzione delle opere. Un fatto non da poco, considerato che da esso dipendeva la revoca dell'ordinanza di sgombero.

A complicare il reperimento del documento è stata poi l'inchiesta Genius che, a novembre scorso, ha portato all'arresto dell'ex vertice del Genio civile Natale Zuccarello e di altri funzionari, tra cui il responsabile del procedimento riguardante Santa Maria la Scala. Gli atti della gara, infatti, facevano parte di quelli sequestrati dalla guardia di finanza e finiti al centro dell'indagine sulla corruzione negli uffici regionali. Poco prima di Natale, però, tutto si è risolto. «Sono stati approvati dal Servizio 11 del dipartimento Infrastrutture e Mobilità Trasporti - si legge in una comunicazione del Genio civile datata 22 dicembre - gli atti di contabilità finale che contiene, tra l'altro il certificato di regolare esecuzione redatto dal direttore dei lavori e dal rup».

L'approvazione da parte del dipartimento regionale risale al 21 ottobre, due settimane prima del blitz Genius. «Finalmente abbiamo potuto rientrare in possesso delle nostre case», commenta una residente a MeridioNews. Tra chi ha potuto fare rientro negli immobili di via Mulino anche una 90enne, da un anno costretta a chiedere ospitalità altrove.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×