Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rifiuti, il sit-in degli ex lavoratori Dusty al PalaRegione
«Cento operatori licenziati e la città piena di spazzatura»

Sebbene le proteste si ripetano di appalto in appalto, che il clima tra sindacati e ditte non fosse sereno, lo si era già capito per la riorganizzazione del personale. «Prima il servizio veniva gestito con 1400 unità, ora con 846», lamentano i sindacati a MeridioNews

Redazione

«Nuovo appalto Catania e più di 100 lavoratori a casa, ridateci il lavoro» e «Raccogliamo la spazzatura ma non lo siamo». Le frasi impresse a caratteri cubitali negli striscioni realizzati da quasi una trentina di lavoratori del settore rifiuti, manifestano il disagio degli ex dipendenti di Dusty in protesta davanti alle porte del palazzo della Regione a Catania. Operatori ecologici e autisti. «A essere rimasti senza lavoro sono più di 130 persone nel cantiere di Catania e altri 30 nel cantiere di Messina», spiega a MeridioNews Lucia Inzirillo, segretaria regionale Confsali Sifus. Sebbene le proteste si ripetano di appalto in appalto, che il clima tra sindacati e ditte dei rifiuti non fosse sereno, lo si era già capito nella fase delle trattative in occasione della riorganizzazione del personale e delle ore lavorative, dopo la proroga dell'appalto a Dusty per il lotto centro. 

Nel frattempo in città, tra strade non più percorribili a causa di immense discariche che invadono la carreggiata, quartieri dove la raccolta differenziata pare non sortire gli effetti sperati e la parziale rimozione dei cassonetti di prossimità, il servizio di raccolta è altalenante. «Siamo qui per chiedere di lavorare - commenta un autista in protesta - le tre aziende (Dusty, Ecocar e SuperEco, ndr) hanno bisogno di personale, di forza lavoro per ripulire una città in piena emergenza rifiuti». Una condizione, quest'ultima, innegabile che spinge gli operatori a rincarare la dose. «Da due mesi non esiste più un servizio di spazzamento - chiosa un altro ex lavoratore -, c'è da rimanere allibiti, così può scattare un'epidemia». Se questo è il quadro generale, la domanda allora sorge spontanea: «Vogliamo sapere perché siamo stati licenziati - incalzano i manifestanti -. Non serviamo più?». 

In effetti, con il nuovo appalto, il personale di servizio è stato dimezzato. «Prima era gestito con oltre 1400 lavoratori - spiega Inzirillo -, ma adesso è stato tarato per 846 unità part-time». Secondo la ricostruzione dei sindacati, però, due delle tre aziende che si occupano del servizio di raccolta e spazzamento in città, avrebbero cominciato a effettuare le chiamate attingendo da questo bacino di lavoratori. «Ma le chiamate vengono fatte per due giorni, per una settimana, per un mese - sostiene la sindacalista - e qualcuno ha provato ad attingere da altri bacini perché la forma clientelare ancora non è finita». Peraltro, è la posizione di Unilavoratori, per il momento il numero di chiamate sarebbe irrisorio. «A oggi - afferma il segretario provinciale Giovanni De Caudo - hanno preso solo 13 persone, le aziende ci hanno detto che attingeranno in proporzione ai pensionamenti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×