Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Laura Sicignano saluta lo Stabile con le Baccanti
«L'opera di Euripide parla di temi ancora attuali»

Sul palcoscenisco del teatro etneo va in scena un lavoro che ha al centro la guerra tra i sessi. Protagonista assoluto della scena firmata da Guido Fiorato è l'androgino ed eversivo Dionisio, interpretata da Manuela Ventura. Le parole della regista

Alessia Sapienza

Foto di: Antonello Parrinello

Foto di: Antonello Parrinello

La stanza di un museo con parerti piene di muffe e infiltrazioni, che, con un sapiente gioco di luci, si trasforma con facilità e diventa all'occorrenza la città di Tebe o il monte Citerone, è lo spazio dentro cui si muovono le Baccanti del Teatro Stabile di Catania. Un luogo geometrico dove i personaggi della tragedia di Euripide entrano ed escono senza pensare alla dimensione fisica e grazie alla loro energia riescono a fare parlare al presente un testo vecchio di millenni. «La trama - ha dichiarato la regista Laura Sicignano intervenuta sulle frequenze di Radio Fantastica del gruppo Rmb - è complessa e articolata su diversi temi: si parla dell'imprevisto che sorprende l'umanità che, in questo caso, è lanciato dagli dei, ma se lo vogliamo trasferire ai nostri tempi potrebbe essere il virus contro stiamo combattendo. Centrale è anche la guerra tra i sessi, un argomento che attraversa molto la tragedia greca».

Protagonista assoluto della scena firmata da Guido Fiorato è l'androgino ed eversivo Dionisio (Manuela Ventura) che appare subito dopo l'apertura del sipario e che, già nel prologo, esprime tutta la sua potenza. Al suo servizio ci sono le Baccanti (Egle Doria, Lydia Giordano, Silvia Napoletano): «Un esercito di femmine folli dotate di una grande potenza che, si badi bene - ha continuato Sicignano - è ben diversa dal potere. La loro potenza è fatta di autorevolezza e di empatia con le creature viventi. Loro riescono a compiere imprese sovrumane e sorprendenti». Le Baccanti pensate da Sicignano sono sempre presenti sulla scena ed esprimono la loro essenza ballando sulle musiche originali eseguite dal vivo da Edmondo Romano e muovendosi agli ordini di Dionisio che, divertendosi, le guida e le manovra come se fossero dei burattini.

Lo stesso Dionisio, vestito di nero come le sue adepte, si diverte anche a provocare il re di Tebe, Penteo (Aldo Ottobrino): un moderno uomo in giacca e cravatta, presuntuoso e arrogante che, alla fine, cede. Riesce sì a superare la sua paura del diverso, ma pagherà con la vita questa sua voglia di scoperta per mano della madre Agave (Alessandra Fazzino). In scena ci sono poi Antonio Alveario, nei panni di Tiresia, Franco Mirabella, Cadmo, e Silvio Laviano, il messaggero. Laura Sicignano ha deciso di salutare con quest'opera il pubblico catanese. Lo spettacolo, in programma fino al 23 gennaio, infatti, è il suo ultimo da direttrice ed è dedicato, ancora una volta, al tema femminile come Donne in Guerra, lavoro firmato dalla regista meneghina che ha inaugurato la stagione in corso. E non sembra un caso che la prima donna alla direzione dell'ente catanese abbia scelto di concludere la sua esperienza proprio con questa tragedia che vede come protagonista l'assoluta forza delle donne. «Le Baccanti sono potenti come dee. Le loro chiome non bruciano. Le nostre armi non le feriscono. Maschi contro femmine. E vincono loro». Il messaggio è chiaro e, se lo dice Euripide, non possiamo che crederci.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×