Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, l'emergenza sepolture ancora non si ferma
Sindaco ordina tumulazione nei loculi già assegnati

La misura è stata presa temporaneamente con un'ordinanza del primo cittadino Nino Naso per smaltire le salme nell'obitorio. Un centinaio di posti dovrebbero essere pronti prossimamente, ma a tenere banco è ancora lo stallo nell'appalto per le tombe di famiglia

Salvatore Caruso

L'emergenza tombe va avanti a Paternò. Sono decine le bare che viaggiano tra il cimitero monumentale e quello di via Balatelle per una sepoltura provvisoria in attesa del loculo definitivo. Un fatto documentato, nelle scorse ore, dagli uffici cimiteriali del Comune che hanno specificato che non vi sono più loculi disponibili per potere tumulare le salme. Ciò che ha spinto il primo cittadino Nino Naso a firmare un’ordinanza attraverso la quale, «al fine di prevenire le gravi conseguenze di carattere igienico-sanitario che si genererebbero a causa del mancato seppellimento dalle salme giacenti presso l'obitorio», ha disposto l'utilizzo provvisorio e temporaneo dei loculi non utilizzati assegnati in vita a privati cittadini e loculi disponibili all'interno delle confraternite, presenti nel cimitero monumentale, con l’impegno da parte del Comune di riconsegnarli nella disponibilità dei proprietari, nelle stesse condizioni in cui si trovano attualmente; il tutto non appena saranno disponibili e fruibili i nuovi loculi. 

L'assegnazione provvisoria dei loculi per la tumulazione di salme giacenti nell'obitorio del civico cimitero deve avvenire previo versamento da parte del richiedente della somma necessaria per la tumulazione definitiva. Quella delle carenze di tombe a Paterno è una problematica che va avanti da tempo e che ancora oggi non persiste. Sono cento i loculi presso il cimitero di via Balatelle che a breve saranno ultimati, mentre è stata progettata la costruzione di altri seicento, metà dei quali già appaltati. Poi c'è l'annoso problema legato alla realizzazione di 310 tombe di famiglie: i lavori non sono ancora partiti anche dopo l'affidamento del cantiere alla seconda ditta in graduatoria, dopo la rinuncia all'appalto da parte della prima. Nell’area del cimitero di via Balatelle è stato allestito il cantiere, ma ancora i mezzi non sono entrati in azione. Nelle scorse settimane sarebbero stati eseguiti dei sondaggi nel terreno. «Tutto è regolare e va avanti secondo quanto previsto dal capitolato d’appalto», fanno sapere dall'assessorato ai Lavori pubblici. 

Tuttavia il mancato avvio dei lavori ha provocato e continua ancora a suscitare malumori tra gli acquirenti. «Per contratto la ditta ha due anni di tempo per realizzare i lavori - commenta l’assessore Luigi Gulisano - In queste settimane la ditta aggiudicatrice ha lavorato dal punto di vista della logistica essendo un’azienda non siciliana. Tuttavia la settimana prossima inizieranno i lavori di sbancamento. Ci è stato assicurato che entro il prossimo maggio sarà ultimato almeno il 60-70 per cento delle tombe, che verranno immediatamente consegnate agli aventi diritto». Per le tombe ogni singolo acquirente ha sborsato la somma di 7500 euro versando il tutto in un'unica soluzione. Molti hanno fatti ricorso a prestiti.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×