Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, relitto davanti alla timpa è di nave giapponese
Fino a oggi si è creduto fosse il Terni affondato nel 1943

La scoperta è stata annunciata dall'assessore ai Beni culturali Alberto Samonà. La Soprintendenza del mare, guidata da Patrizia Livigni, apporrà una targa bilingue. L'imbarcazione affondò in seguito a una collisione con la costa nel tratto chiamato Acqua Grande

Redazione

Davanti alla timpa di Acireale non c'è il relitto della nave Terni, ma la giapponese Taikosan Maru, affondata il 14 dicembre 1917. Il risultato delle indagini storiche è stato reso noto dall'assessorato regionale ai Beni culturali. A lavorare all'identificazione è stato il capitano Andrea Di Mauro, con la collaborazione dell'associazione Futuro Mare di Aci Castello. Lo studio si è basato anche su interviste di alcuni anziani pescatori del borgo di Santa Maria la Scala

La nave Taikosan Maru era una nave a vapore costruita tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento. Ad avallare questa testi sono stati anche i documenti forniti dall'Ufficio storico navale giapponese di Tokyo. Fino a ora si credeva che il relitto fosse quello della nave Terni, affondata dal sommergibile britannico Unison nel giugno 1943, durante la Seconda guerra mondiale. La nave giapponese, invece, affondò in seguito a una collisione con il tratto di costa denominato Acqua Grande.

«L’esito delle indagini - commenta l'assessore regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, Alberto Samonà - ci dà oggi l’opportunità di definire una vicenda rimasta a lungo opaca. Per ricordare quel tragico evento e con l’obiettivo di dare adeguata visibilità e riconoscimento di un bene culturale sommerso, la Soprintendenza del Mare farà apporre sul relitto una targa commemorativa bilingue che verrà collocata dai volontari di Futuro di Mare».

«Se identificare un relitto subacqueo facendone riemergere la storia dalle nebbie del tempo, significa farlo rinascere a nuova vita assieme alla memoria del contesto storico di cui costituisce testimonianza - dichiara la Soprintendente del Mare Valeria Livigni - oggi possiamo affermare che ad Acireale è stato scoperto un nuovo relitto culturale subacqueo e che la fine del Terni può costituire un’affascinante e suggestiva prospettiva di ricerca».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×