Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, cinque denunciati per indebita percezione Rdc
Tutti già pregiudicati e appartenenti a clan mafiosi etnei

Il beneficio è stato ottenuto illegittimamente da soggetti contigui ad articolazione locali della famiglia Santapaola-Ercolano. Su delega della procura distrettuale, l'Inps ha revocato il reddito di cittadinanza e avviato le procedure per la restituzione

Redazione

Foto di: polizia penitenziaria

Foto di: polizia penitenziaria

Sono stati denunciati cinque soggetti, mafiosi o familiari di mafiosi, perché accusati di avere percepito indebitamente il reddito di cittadinanza, utilizzando dichiarazioni mendaci e omettendo informazioni dovute. Nell'ambito delle indagini dei carabinieri di Paternò, sono stati svolti alcuni accertamenti volti a indentificare chi, sebbene in carenza dei requisiti richiesti dalla normativa di settore, risultano usufruire ugualmente, direttamente o indirettamente, dell’erogazione della misura sociale. 

Tra i beneficiari ci sono soggetti appartenenti a consorterie mafiose attive nel capoluogo etneo e in provincia che, pur essendo gravati da sentenze passate in giudicato per i reati di associazione di tipo mafioso, hanno personalmente richiesto e ottenuto il beneficio. In particolare: P. P., attualmente detenuto, capo e organizzatore del clan Alleruzzo-Assinnata-Amantea, articolazione territoriale della famiglia Santapaola-Ercolano di Catania, tratto in arresto nell’ambito della recente operazione Sotto Scacco conclusa a maggio 2021 con l’esecuzione di 40 ordinanze di custodia cautelare in carcereA. R., attualmente detenuta, appartenente al clan Rapisarda, attivo nel Comune di Paternò e articolazione locale della famiglia Laudani di Catania, moglie di Rapisarda Salvatore, alias Turi u porcu, reggente dell’omonimo clan, attualmente detenuto in regime speciale art. 41 bis; S. S., appartenente al gruppo di Picanello della famiglia Santapaola-Ercolano di Catania, nonché altre due donne che hanno richiesto e ottenuto il beneficio, per conto dei propri coniugi, pur essendo anche questi gravati da sentenze di condanna definitive per associazione di tipo mafioso (nello specifico, appartenenti rispettivamente al gruppo di Picanello della famiglia Santapaola-Ercolano e al clan Morabito-Rapisarda, attivo nel comune di Paternò e articolazione locale della famiglia Laudani del capoluogo etneo).

Il beneficio, concesso a richiesta dei cittadini, è subordinato ad una serie di requisiti da possedere cumulativamente all’atto della presentazione dell’istanza e per tutta la durata del beneficio. Chi lo richiede e i componenti del nucleo familiare del richiedente, nei dieci anni precedenti, non devono essere stati condannati (con sentenze irrevocabili) per reati, tra gli altri, di associazione di tipo mafioso o truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. L’importo complessivo riscosso indebitamente, a vario titolo tra marzo 2020 e lo scorso settembre, è di oltre 48mila euro. L'Inps, su delega della Procura della Repubblica di Catania, ha revocato immediatamente il beneficio e avviato le necessarie procedure di restituzione di quanto illecitamente percepito. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×