Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Librino, primi match ufficiali al San Teodoro
I Briganti: «Come al primo giorno di scuola»

Per la prima volta nella sua ventennale storia, fatta di degrado e abbandono, ma anche di impegno e dedizione grazie alla squadra dei Briganti e ai volontari dell'Iqbal Masih, il Campo XXV aprile San Teodoro Liberato ha ospitato ieri i match ufficiali della prima giornata di campionato di rugby. Tre partite in casa per i rugbisti di Librino, «un sogno che si avvera» per chi per un anno e mezzo ha lavorato al recupero della struttura. Guarda le foto

Agata Pasqualino

«Forza Briganti!». Sugli spalti del Campo San Teodoro Liberato a Librino si fa il tifo sotto il sole cocente di una domenica di ottobre che ricorda quelle di agosto. Per la prima volta i rugbisti della squadra del quartiere giocano la partita ufficiale d'inizio campionato nella struttura comunale che un anno e mezzo fa hanno liberato dall'abbandono e dal degrado. «È come il primo giorno di scuola», commenta il Brigante Mario La Rosa, che adesso assieme ai suoi compagni di quadra può finalmente giocare in casa.

Il campo, recuperato grazie all'impegno dei giocatori, dei tecnici, degli amici dei Briganti e dei volontari del centro Iqbal Masih di Librino, ha ospitato tre match, dalle 10.30 alle 17 circa, per le categorie under 16, under 20 e la serie C. «Da niente a tutto ed è stato il destino a volere che si giocassero tre partite il primo giorno», dichiara il presidente del club Stefano Cuccuruto. «Dopo tante fatiche il raggiungimento di qualcosa di tanto desiderato», aggiunge. Fino al giorno prima lui e i suoi compagni hanno lavorato per montare le acca e adesso i passi fatti in otto anni di impegno e lotta per poter giocare al San Teodoro riaffiorano nella mente: «Penso a quello che c'era prima - dice - alle macerie e al degrado, ai piccoli passi che ci hanno portato a questa domenica: alle giornate di lavoro, alla club house Peppe Cunsolo, a tutti gli allenamenti in palestra quando il campo non era pronto. Piccoli step che hanno portato alla realizzazione di questo grande sogno».

http://www.flickr.com/photos/ctzen_catania/sets/72157636508923684/show

Più del sole che ha costretto gli atleti a molti break acqua, ad illuminare i loro volti, quelli degli allenatori e dei supporter è l'emozione. «Ho cominciato a piangere dalla felicità dalle sette di stamattina - confessa Valentina Marletta del centro Iqbal Masih - perché ce l'abbiamo fatta a riportare i Briganti e il rugby a Librino». E la presenza di molti genitori dei giovani rugbisti del quartiere le dà ragione. «Dimostra che si sta creando un'identità di squadra con le famiglie ed è bellissimo», afferma.

Un'emozione condivisa anche da chi lavora nella gestione amministrativa della squadra e del campo, come Stefania Ferrara. «Il fischio d'inizio di oggi - dichiara - è stato un momento fondamentale per la storia dei Briganti e della città, la dimostrazione del fatto che con la forza di volontà si possono veramente cambiare le cose». Un momento importante anche per chi si allena da poco, come Celeste Micciché, che fa parte della neonata squadra femminile del club dei Briganti. Lei che vive a Mascalucia, comune pedemontano della provincia etnea, Librino non lo conosceva molto, si è avvicinata al rugby dopo aver letto l'articolo di CTzen sulle Brigantesse e ha saltato il primo allenamento perché non ha trovato il campo, ma l'emozione di vedere le acca montate la racconta con lo stesso coinvolgimento dei più anziani.

Per la burocrazia comunale i Briganti sono ancora degli occupanti abusivi del San Teodoro, anche se non è così per la federazione di rugby. La squadra è in contatto con la nuova amministrazione: «Speriamo di poter parlare con l'assessore al Patrimonio già dalla prossima settimana», dice Cuccuruto. Però, mentre i piccoli dell'under 16 sono in campo, il Comune è l'ultimo dei pensieri del presidente: «Noi viviamo alla giornata, l'importante è che ci divertiamo», dichiara. Pensa di più alla crescita dal punto di vista tecnico che i ragazzi dimostrano in campo, anche grazie all'incremento della rosa di allenatori, tra cui alcuni con esperienza alle spalle come Pio Failla e Marcello Mica. «Stanno mettendo l'anima perché è la loro prima partita in casa», commenta Cuccuruto. Al mister in campo, Piero Mancuso, durante uno dei break acqua riusciamo a rubare solo una dichiarazione: «Siamo distrutti ma molto contenti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews