Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Gestione degli impianti sportivi alle società
«Più spazio a chi ha una vocazione sociale»

Dovrà essere votato dal consiglio comunale per entrare in vigore il nuovo regolamento proposto dall'amministrazione guidata da Enzo Bianco per la concessione degli impianti sportivi pubblici. Gestione ordinaria alle società con spese suddivise tra privato e pubblico. Quest'ultimo penserà alla manutenzione straordinaria. «Cambia la mentalità della fruizione: vogliamo territorialità e socialità», spiega Fabio Pagliara, consulente allo Sport del sindaco

Desirée Miranda

Assegnare la gestione degli impianti sportivi comunali alle società tramite bando pubblico, in modo che siano direttamente loro a farsi carico delle spese di manutenzione ordinaria: pulizia, custodia e utenze. Queste ultime però, sarebbero a carico della società solo per il 36 per cento del totale. La parte restante, infatti, al pari della manutenzione straordinaria, spetterebbe al Comune. Una prassi in quasi in tutto il territorio nazionale, una novità per Catania.

Sono queste le principali modifiche all’attuale regolamento per la concessione degli impianti sportivi comunali che l’amministrazione catanese presenterà il prossimo lunedì all’apposita commissione consiliare per poi passare al vaglio del consiglio comunale. «Stiamo cercando di fare delle migliorie per permettere alle società sia di avere una maggiore sicurezza nella gestione degli impianti, che verranno dati in concessione anche per nove anni, sia di potere programmare una sorta di piano economico per il bene della società sportiva», afferma Fabio Pagliara, consulente allo sport del sindaco Enzo Bianco.

Attualmente, infatti, il comune etneo non riesce a fare fronte a quasi nessuna delle spese necessarie. Le società sono quindi di fatto costrette a sobbarcarsi da sole i costi della manutenzione ordinaria e straordinaria, pena la chiusura delle strutture. Prassi atipica che ha portato il Comune a essere citato in un contenzioso. «Una situazione anomala» la definisce Pagliara, «qualcosa di inaccettabile per ogni società che speriamo con il voto del consiglio di modificare». Con l’introduzione del nuovo regolamento cambierebbe anche la concezione alla base della concessione degli impianti sportivi. «Non dobbiamo più considerare quanti soldi possiamo ricavare da un impianto, ma dobbiamo riconoscere un reddito sociale, perché sono soprattutto le piccole società, che spesso lavorano nelle periferie, a dare una grande contributo in termini di sport a moltissimi ragazzi», continua il consulente allo sport del sindaco. In tal senso, dunque, «sono incentivate e favorite le società con una vocazione sociale, perché è questo che vogliamo: territorialità e socialità».

Tra queste rientra di certo la squadra dei Briganti rugby che si allena al pala San Teodoro, nel campo che da soli hanno ripristinato. La situazione qui, però, è un po’ diversa perché la struttura non è di responsabilità dell’assessore allo sport, ma di quello al patrimonio Giuseppe Girlardo. «Insieme stiamo cercando una soluzione per superare i problemi burocratici e poterlo dare in gestione alla squadra – spiega Pagliara –. Hanno anche presentato un progetto che non esito a definire bellissimo per attività e finalità, e hanno una grande vocazione sociale per tutti i bambini di Librino».

Altra storia, invece per lo stadio Angelo Massimino a Cibali, affittato al Calcio Catania ad una tariffa giornaliera di quasi 11mila euro. «Per questo è necessario un bando a parte, visto che non si tratta di concederlo a piccole società con scopi sociali», spiega ancora Pagliara. Non solo. La squadra di calcio etnea nella massima serie, «a causa dell’attuale situazione che obbliga le società a occuparsi della manutenzione straordinaria,  - aggiunge Fabio Pagliara - ha impugnato il bando davanti al tribunale. Anche per questo vogliamo modificare tutto», conclude.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews