Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Discovery Science: «L'Etna è pericolosa»
«Dicono falsità perché è patrimonio Unesco»

Il 29 ottobre sul canale di Sky dedicato alla scienza è andato in onda un programma che inseriva a muntagna tra i vulcani più pericolosi al mondo. «Nel corso dei secoli ha mietuto decine di migliaia di vittime», una delle motivazioni. «E' falso, in epoca moderna non ci sono stati morti», replica Sergio Magiameli, geologo e scrittore, che aggiunge: «Non credo che gli autori siano stupidi, perché questa puntata arriva solo dopo il riconoscimento internazionale?». Oggi pomeriggio la replica del programma. Nell'attesa, vi proponiamo le immagini dell'associazione Etna Walk dell'ultima attività eruttiva. Guarda il video

Salvo Catalano

«L'Etna è uno dei vulcani più pericolosi al mondo». «Nel corso dei secoli ha mietuto decine di migliaia di vittime e ora si sta risvegliando». «Decine di vulcanologi che si sono avvicinati durante un'eruzione, sono stati uccisi». Parola di Discovery Science, il canale di Sky che lo scorso 29 ottobre ha ospitato il programma Curiosity - Volcano Time Bomb, in cui a muntagna veniva inserita in una classifica dei vulcani a rischio. «Peccato che le affermazioni riportate siano false e che negli ultimi secoli le eruzioni dell'Etna non hanno causato nemmeno una vittima. Invece è stato accostato al temibile Mount. St. Helens, negli Stati Uniti, che ha caratteristiche vulcanologiche molto diverse e non paragonabili, essendo di tipo esplosivo», spiega Sergio Mangiameli, geologo, giornalista, presidente dell'associazione Piuma bianca, dedita all'educazione ambientale, e blogger su CTzen, che aggiunge: «Non credo che le inesattezze derivino dall'ignoranza, il fatto che il programma arrivi poco dopo la proclamazione del vulcano come patrimonio Unesco mi fa porre alcune domande».

Per smontare la teoria di Discovery Science, Magiameli cita l'eruzione del 1669, universalmente riconosciuta come la più disastrosa dell'Etna in età moderna. «In quel caso, come ha ricostruito anche il ricercatore dell'Ingv Stefano Branca, la lava uscì dai Monti Rossi e arrivò fino a mare, distruggendo in parte Catania e circondando il castello Ursino che prima era su un isolotto. Ma neanche in quell'occasione ci furono vittime. Il programma di Sky non fa riferimento a nessun dato statistico». Secondo Mangiameli, volendo inserire in questa speciale classifica un caso italiano, la scelta sarebbe al limite dovuta ricadere sul Vesuvio. «E' l'unico vulcano potenzialmente pericoloso che abbiamo», precisa.

Altro dettaglio che non convince il geologo è che la puntata parla dell'eruzione del 2002. «Perché aspettare undici anni per mandarla in onda? Cos'è cambiato?», si chiede Mangiameli che trova una risposta nella proclamazione dell'Etna patrimonio dell'umanità da parte dell'Unesco. «E' l'unica cosa che può giustificare una falsità del genere - sottolinea - Non credo che in un contesto come Discovery Channel siano stupidi o ignoranti, e poi oggi basta usare internet per informarsi. La motivazione - conclude - deve essere per forza di natura diversa».

La puntata verrà riproposta oggi pomeriggio in replica alle 16.30 sul canale 405 di Sky. Intanto c'è chi si gode lo spettacolo, per nulla pericoloso, della muntagna in eruzione. Giuseppe Distefano, presidente dell'associazione Etna Walk, ha realizzato questo video, prima e durante l'attività del 23 ottobre.

http://vimeo.com/78006305

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews