Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, riprendono i lavori al cantiere Usa
Attivisti a confronto sulle forme di protesta

Ieri, a distanza di tre mesi dal via libera da parte della Regione al completamento dell'impianto militare di telecomunicazioni, a Niscemi sono ripresi i lavori sulle tre torrette che ospiteranno le mega antenne. «Potrebbero essere sollevate entro la fine del mese», ipotizzano gli attivisti che nel frattempo provano a riorganizzarsi. Sabato e domenica tutto il movimento si riunirà per decidere le prossime mosse. Guarda il video

Salvo Catalano

«Il Muos può essere costruito, non è un impianto che desta preoccupazione». Il 25 luglio l'assessore all'Ambiente Mariella Lo Bello dava il via libera al completamento del sistema militare di telecomunicazioni Usa. Da quel momento nel cantiere della base americana di Niscemi tutto è rimasto apparentemente fermo. Fino a ieri. Quando alcuni operai sono tornati a lavorare sulle tre torrette che dovranno sostenere le mega antenne, immediatamente ripresi dalle telecamere degli attivisti, che, nonostante lo sciopero fino a Natale, non smettono di monitorare la situazione.

http://youtu.be/wKF53i3nC4Y

Nei mesi estivi sono andati avanti i lavori di manutenzione ordinaria all'interno della base. Adesso torna ad animarsi il cantiere dove sorgerà il Muos, segno che si avvicina il momento in cui verranno sollevate le parabole e l'impianto entrerà in funzione. «Forse entro la fine del mese», secondo gli attivisti che ieri sera si sono riuniti in assemblea a Niscemi. Un primo veloce incontro in vista dell'assemblea di sabato e domenica a cui parteciperanno tutti i comitati regionali che formano il coordinamento, ma anche le mamme, i centri sociali e tutti i soggetti che nell'ultimo anno si sono avvicinati al movimento.

«Lo sciopero sta dando i suoi frutti - spiega Fabio D'Alessandro, attivista del comitato di Niscemi - in realtà noi stiamo continuando alcune attività al presidio e ci occupiamo del monitoraggio al cantiere, ma c'è stata una reazione di una parte dei niscemesi: le mamme si sono riorganizzate e c'è un nuovo fermento, mentre si danno da fare anche i ragazzi delle scuole superiori». Il weekend servirà a confrontarsi sulle prossime mosse. Si vogliono evitare azioni dettate dalla fretta, come successo in passato. Resta da capire se, per completare il Muos, tutto il materiale e i mezzi necessari sono già a disposizione all'interno della base, o se, invece, si aspetta una nuova gru e sia possibile riprendere i blocchi.

Intanto domenica a Niscemi va in scena il No Muos No Mafia Tour, una manifestazione organizzata da Radio Aut, la storica emittente creata da Peppino Impastato. Alla biblioteca comunale del centro del Calatino parleranno anche Giovanni Impastato e Salvo Vitale, dell'associazione nata per ricordare il giornalista ucciso dalla mafia.

[Video e foto di Antenne46]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×