Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, torna la rappresentazione dei Diavulazzi di Pasqua
«Tradizione antichissima ma ancora molto viva tra i giovani»

Dopo lo stop per la pandemia, torna a essere inscenato il dramma che sancisce la vittoria del bene sul male dopo la resurrezione. «Tutta la comunità attende con gioia questo momento», afferma uno dei protagonisti a MeridioNews. Guarda le foto

Carmelo Lombardo

«La pandemia è riuscita a fermare una manifestazione: cosa che storicamente non era mai avvenuta. Adesso la comunità attende con gioia. È un momento in cui si riporta al centro il vero significato della Pasqua». Se le condizioni meteorologiche primaverili del 2022 sono altalenanti e lasciano un po' di rammarico per una bella stagione che deve ancora arrivare, a essere attesa con entusiasmo è la Pasqua, che dopo due anni potrà essere festeggiata facendo sì attenzione, ma con restrizioni ridotte e con il ritorno delle tradizioni e funzioni religiose. Uno dei tanti eventi molto attesi in Sicilia è quello della Diavolata di Pasqua ad Adrano, in gergo detta Diavulazzi. Si tratta di una rappresentazione in cui vengono personificati il male, l'umanità e l'anima e viene incarnata l'importanza salvifica della resurrezione. A parlare della ripresa dell'evento è Antonino Cozzo, adranita che da anni fa parte del gruppo che inscena lo spettacolo tratto dal dramma scritto nel 1751 da Anselmo Laudani. «Nella rappresentazione ci sono dei momenti salienti, come la rottura dell'arco della Morte o quando i demoni, incatenati e percossi dall'Angelo Gabriele, vengono difesi dal Diavolo con la lancia. È un momento concitato, folkloristico e vissuto, ma l'aspetto principale che è quello dell'importanza della resurrezione non si è mai perso».

[gallery]

Il dramma viene rappresentato intorno all'ora di pranzo del giorno di Pasqua, per poi riprendere anche durante le ore serali, novità che va avanti dall'inizio degli anni Duemila. Giochi di luce e musiche fanno da corredo a Lucifero e gli altri Daivoli, la Morte, eterna nemica dell'uomo, l'Umanità, simbolo della speranza, e l'Arcangelo Michele, avversario del demonio. Tutti i protagonisti si fronteggiano con performance che danno spazio a versi, invocazioni e mosse tramandate da padre in figlio da circa 250 anni. La storia inizia con i Diavoli che, non appena si accorgono che Cristo non è più nel sepolcro, convincono l'Umanità a restare dannata. Così interviene l'Arcangelo Michele che, dopo una lotta con Lucifero e i Diavoli, sconfigge il male liberando l'Umanità. Finita la rappresentazione, davanti alla chiesa di Santa Chiara avviene l'incontro di Maria con il figlio Gesù, a sancire la pace e la redenzione. «Tutto è ambientato in un bosco dove c'è Lucifero - racconta Cozzo - che non si capacita del perché Cristo, suo fedele nemico, sia potuto risorgere. A questa scena segue l'ingresso della Morte - continua Cozzo - L'arrivo della Morte dà il via a una lotta serrata e cruenta con l'Umanità: è uno dei momenti di maggiore pathos. La Morte impugna un arco con cui può ferire l'Anima, che essendo redenta finisce per avere la sua rivalsa sulla Morte».

La rappresentazione prosegue con il tentativo dei due Diavoli di impadronirsi dell'Anima e prendere possesso dell'Umanità, ma sarà l'arrivo dell'Arcangelo Michele a sconfiggere i Diavoli e a ordinare alla Morte di rompere l'arco e gettarlo via. Protagonisti assoluti sono proprio l'Umanità e l'Arcangelo Michele, interpretati da una bambina e un bambino, «perché in scena devono rappresentare l'innocenza. Chi tra la folla riusciva a prendere l'arco era una segno di buon auspicio - aggiunge Cozzo - Mentre fino agli anni 70' c'era l'usanza che vedeva l'angelo tagliare davvero le corna delle maschere dei Diavoli, poi non si fece più, perché ogni hanno dovevano essere ricostruite». La rappresentazione è svolta dall'associazione teatrale Udiri, che prende il nome originario della rappresentazione. Ad avere il patrocinio è il Comune di Adrano, che alla fine dona un compenso a ogni singolo rappresentante. «Dai documenti d'archivio si legge che negli anni 20' del 900' chi prendeva parte allo spettacolo veniva pagato con carne e salsiccia - dice ancora l'adranita - Un piccolo compenso c'è sempre stato: noi lo facciamo con passione e con molto piacere. Certo - sorride - abbiamo sempre passato una Pasqua diversa da come si può immaginare solitamente, ma è il nostro modo di trascorrere questo giorno di festa importantissimo». 

Cozzo, sin da bambino, è una presenza fissa nelle Diavolate. «Una volta - ricorda - fu posticipata per maltempo. Ci sono state anche occasioni in cui abbiamo recitato sotto i fiocchi di neve. Poi, c'è stato il Covid, ma adesso si riparte». Negli anni precedenti allo stop per la pandemia, ha riscosso grande successo la rappresentazione anche nelle ore serali. «Si sa, partecipare durante le ore di pranzo il giorno di Pasqua non è semplice per chi non è di Adrano: per questo l'appuntamento serale è molto partecipato. Noi - conclude Cozzo - siamo molto soddisfatti: tanti vogliono prendere parte al dramma e noi siamo fieri di tramandarla. Per esempio, quando mio figlio ha interpretato il mio ruolo da bambino per me è stata una grande emozione. Spero che tutto ciò continui per altri genitori coi propri figli».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×