Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Vertenza Pfizer, l'accordo tra i sindacati e la società
«Evitata macelleria sociale ma tinte restano fosche»

Per chiudere la procedura di licenziamento collettivo per 130 lavoratori, il punto di incontro sarebbe «un'importante incentivazione economica all'esodo volontario del personale prossimo alla pensione e di coloro che vogliono lasciare in anticipo il posto di lavoro»

Redazione

Foto di: pfizer su Facebook

Foto di: pfizer su Facebook

Sulla  vicenda Pfizer ci sarebbe un accordo. Un punto d'incontro sarebbe stato trovato tra i sindacati e la Wyeth Iederle, la società che gestisce lo stabilimento produttivo nella zona industriale di Catania. Per chiudere la procedura di licenziamento collettivo avviata a febbraio per 130 lavoratori, la proposta delle sigle sindacali è quella di «operare una riduzione dei livelli occupazionali attraverso un'importante incentivazione economica all'esodo volontario del personale prossimo alla pensione e di coloro che, anche se non immediatamente pensionabili, vogliono lasciare in anticipo il posto di lavoro». Così si legge in una nota congiunta di Cgil, Cisl, Uil e Ugl diramata ieri al termine di un incontro con la società nella sede di Confindustria Catania. 

Il prossimo incontro è fissato per la mattina di martedì 26 aprile nel Palazzo della Regione per sottoscrivere l'accordo definitivo davanti alla dirigente responsabile del Centro per l'impiego Salvatrice Rizzo. «Riteniamo buono - dicono i segretari provinciali Jerry Magno di Filctem Cgil, Giuseppe Coco di Femca Cisl, Alfio Avellino di Uiltec e Carmelo Giuffrida di Ugl Chimici, anche a nome delle Rsu - l'accordo che è stato conseguito perché sicuramente ci consente di scongiurare la macelleria sociale che si prospettava all'inizio. È chiaro che fine alla fine i profili interessati dal procedimento vanno salvati tutti - aggiungono - Rimane la grande amarezza di non essere stati ascoltati in sede ministeriale, dove ancora speriamo di potere arrivare per un confronto chiarificatore sul futuro dello stabilimento di Catania che, per quanto ci riguarda, continuiamo a vedere a tinte fosche». 

Al personale prossimo alla pensione, sottolineano i sindacati, «sono stati aggiunti anche i dipendenti assunti con contratto a tutele crescenti. Nel contempo già un gruppo di lavoratori ha deciso di accettare l'offerta di trasferimento nel sito di Ascoli Piceno (nelle Marche), mentre qualcuno si è dimesso per andare a lavorare altrove». Fino al 30 novembre «si farà in modo di sfoltire e svecchiare l'organico per far quadrare i conti - continuano i sindacalisti - lasciando in azienda i più giovani, con l'impegno da parte di Pfizer di assorbire eventuali esuberi rimanenti». In questi senso, sindacati e azienda hanno già concordato un vertice a giugno per monitorare l'andamento di quanto stabilito dopo quattro giorni di riunioni a oltranza e due mesi di trattative

«L'ipotesi di accordo siglata sulla complicata vertenza Pfizer dimostra quanto efficace sia il lavoro di mediazione e dialogo che la Regione può e deve svolgere - ha detto il presidente Nello Musumeci - Anche quando tutto sembrava perduto, non abbiamo desistito né mollato di un centimetro. Ora - ha aggiunto - vigileremo perché l'accordo vada a buon fine e venga tutelato il maggior numero possibile di lavoratori». Un punto che per l'assessore regionale al Lavoro Antonio Scavone rappresenta «un significativo passo avanti. Un risultato a cui si è arrivati anche grazie alla posizione ferma e lineare che abbiamo assunto nell'accompagnare le parti, facendo leva sulla ragionevolezza e sulla necessità di trovare punti d'incontro per salvaguardare i dipendenti. Resta la necessità che il governo nazionale si impegni a interrogare Pfizer sul destino e sul rilancio dello stabilimento etneo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×