Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cimitero, picchiati due dipendenti Multiservizi
Bianco: «In città difficile far rispettare regole»

Il personale della partecipata comunale, secondo la ricostruzione del primo cittadino, si trovava nella struttura per chiuderla al pubblico nel pomeriggio, come stabilito da un'ordinanza dovuta all'allerta meteo e al rischio di caduta dei rami. L'opposizione di alcuni cittadini, però, si sarebbe trasformata in un'aggressione

Luisa Santangelo

Foto di: Google maps

Foto di: Google maps

«Due dipendenti della Catania Multiservizi sono stati selvaggiamente aggrediti da alcune persone che non volevano uscire dal Cimitero». La notizia è stata diffusa, tramite la sua pagina Facebook ufficiale, dal sindaco di Catania Enzo Bianco. Un fatto che il primo cittadino definisce «un nuovo, grave, inaccettabile episodio di violenza verso dipendenti comunali che volevano fare rispettare le regole». Il riferimento scontato è all'ispettore capo della polizia municipale Luigi Licari, in coma dopo essere stato picchiato lo scorso 2 settembre mentre prestava servizio in via del Rotolo. Colpito in testa con un casco perché aveva impedito l'accesso a un'area interdetta al traffico a un motorino a bordo del quale ci sarebbero stati due uomini. 

Secondo la ricostruzione fornita su Facebook da Bianco, i due dipendenti di Multiservizi - partecipata comunale alla quale spetterebbe la custodia ai varchi del Cimitero cittadino, in via Acquicella - avrebbero chiesto ai cittadini, ieri pomeriggio, di uscire dalla struttura. Il motivo della chiusura anticipata del campo santo è da ricondursi a un'ordinanza con la quale il sindaco disponeva la chiusura pomeridiana dei parchi cittadini e degli spazi cimiteriali per via dell'allerta meteo. «Che segnalava - spiega Enzo Bianco - il rischio di fortissimi venti anche a Catania, con rischio di caduta rami». E proprio la chiusura anticipata sarebbe stata la causa dell'aggressione al personale.

«Domattina i vertici di Multiservizi, su mia precisa direttiva, presenteranno denuncia - continua Bianco - Spero che anche stavolta i responsabili siano individuati». Il riferimento, in questo caso, è al 22enne arrestato con l'accusa di lesioni gravissime per avere colpito l'ispettore Licari e attualmente detenuto nel carcere di piazza Lanza. «È difficile fare rispettare le regole nella nostra città - conclude il sindaco - Una minoranza arrogante e incivile resiste e reagisce». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×