Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mascali, sequestrata cava abusiva in zona vincolata
Denunciati titolare della ditta e gestore dell'impianto

I carabinieri del nucleo operativo ecologico di Catania hanno posto sotto sequestro l'intera area di circa 40mila metri quadri. Qualche giorno fa i sigilli erano già scattati per la terza cava in cinque mesi. I due sono ritenuti responsabili di vari reati di natura ambientale. Guarda il video e le foto

Redazione

A tre giorni dall' ultimo sequestro che aveva interessato un'area da 30mila metri quadrati all'interno della quale si trova una cava di basalto lavico da diecimila metri quadri oggi, dopo nuovi controlli dei carabinieri del nucleo operativo ecologico di Catania, è stata posta sotto sequestro l'intera azienda della società Impresa siciliana cave e lavori frantumazione pietre laviche di Mascali, in contrada Pedata Sant'Agata. Un'area di circa 40mila metri quadrati dentro cui insiste la cava che sarebbe risultata essere gestita abusivamente senza alcun tipo di autorizzazione

Con quella odierna, sono quattro le cave e gli impianti di frantumazione sequestrate negli ultimi mesi nel territorio di Mascali. Il sequestro di oggi ha interessato, infatti, oltre alla cava anche l'impianto di frantumazione illegittimamente collocato all'interno di quell'area che sarebbe stato sprovvisto delle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera. La titolare della società e il gestore dell'impianto sono stati denunciati alla procura della repubblica di Catania in quanto ritenuti responsabili di vari reati di natura ambientale: dall'attività abusiva su zona sottoposta a vincolo paesaggistico alle violazioni della normativa che disciplina le attività estrattive e anche della normativa sulla sicurezza del lavoro. Il valore dell’intera azienda, degli impianti e dei mezzi presenti è superiore a un milione di euro.

Anche in questo caso,  come nei precedenti, l’intervento dei carabinieri è avvenuto in flagranza di reato mentre erano in azione sul posto per le attività di sbancamento e di estrazione del materiale, due escavatori e un autocarro da cava ed era in funzione anche l’impianto di frantumazione. I dipendenti sono stati fermati e le operazioni bloccate. Sarebbe stato accertato che l’intera area di circa diecimila metri quadri, dove veniva condotta l’attività di estrazione abusiva, ricade sulla zona sottoposta a vincolo paesaggistico dal 1991, su tutto il comprensorio interessato dalla colata lavica dell’Etna del 1928.

Il sopralluogo ha consentito di verificare la presenza di sei mezzi tra escavatori, pale meccaniche e autocarri di cava funzionanti e utilizzati a vario titolo nelle attività abusivamente svolte. L’area adibita illecitamente a cava, l’impianto di frantumazione, tutti i mezzi, tutte le attrezzature e tutta la rimanente area di pertinenza della ditta, dove sono presenti numerosi accatastamenti di materiali frantumati già lavorati, sono stati posti sotto sequestro mentre sono ancora in corso ulteriori accertamenti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×