Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, sequestrato l'Etna bar di via Galermo
«Vero proprietario Tudisco del clan Cappello»

La nota attività commerciale sarebbe riconducibile a Cosimo Tudisco ritenuto vicino alla cosca capeggiata da Salvatore Cappello. Per gestirla avrebbe utilizzato un prestanome che ha ricoperto il ruolo di amministratore della società World games srl. In cui figurava pure la compagna di Tudisco. Guarda il video

Dario De Luca

Foto di: Giuliana Melia

Foto di: Giuliana Melia

Tre società per gestire uno dei bar più famosi di Catania, l'Etna bar di via Galermo. Dietro tutto però, secondo gli investigatori, ci sarebbe stata la mafia e in particolare la cosca dei Cappello-Bonaccorsi. «Il vero proprietario del'attività commerciale era Cosimo Tudisco», spiega in conferenza stampa Ferdinando Buceti, dirigente della divisione Anticrimine della questura di Catania. Tudisco, pregiudicato che si trova già in carcere, sarebbe un uomo vicino al clan etneo e avrebbe gestito i suoi affari con il tramite di due teste di legno: la compagna Rosaria Lanzafame e un uomo, Agostino Pacifico, a cui gli agenti non sono riusciti a notificare il decreto del tribunale misure di prevenzione.

 

Entrambi hanno avuto un ruolo nella World games srl, società nata nel 2011, «appositamente per gestire il bar e con un valore di quasi un milione di euro», precisa il dirigente. Insieme a quest'ultima avrebbero operato la World of cars group (sequestrata per il 50 per cento) e la ditta individuale Rosaria Lanzafame. Dentro la struttura le tre ditte si sarebbero spartite il controllo della pizzeria con sala ricevimenti, la ludoteca e un tabacchi: «Per incassi, secondo i dati dei monopoli di Stato si tratta della rivendita di sigarette che fattura di più nell'intera provincia di Catania», precisa Buceti. 

La World games avrebbe pagato un canone di 15mila euro mensili per avere in affitto l'immobile, una quota che aveva come contraltare incassi consistenti. La leva che gli investigatori hanno utilizzato per scardinare il piccolo impero economico di Tudisco è stata la sproporzione tra i redditi dell'uomo e quelli del suo nucleo familiare. 

A finire sotto la lente d'ingrandimento della procura di Catania è stato anche Luciano Salanitro, ritenuto un esponente della famiglia mafiosa di Cosa nostra dei Santapaola-Ercolano. All'uomo sono stati tolti due appartamenti, un girarrosto a San Cristoforo e il bar Rivombrosa, all'angolo con via Vittoria Emanuele. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×