Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Primarie Pd, a Catania Renzi chiude con il 66 per cento
Al circolo Librino «arrivavano con indicazioni e monete»

Oltre ottomila voti e quattro punti percentuali sotto la media nazionale per l'ex sindaco di Firenze. È il risultato della domenica democratica catanese. E si cominciano a percepire i primi malumori. In viale Castagnola il presidente Bruno Medeot ha parlato di «elezioni bulgare». Mentre alcune presenze hanno fatto storcere il naso

Luisa Santangelo

Quella dell'ex presidente del Consiglio Matteo Renzi nel Catanese è una vittoria schiacciante. Lo si era percepito già nel corso della giornata, girando per i seggi della città: le dichiarazioni di voto erano poche ma ben chiare. Tanto che a Librino, nel verbale redatto al termine delle operazioni, il presidente di seggio Bruno Medeot ha fatto mettere per iscritto, come lui stesso conferma a MeridioNews, che «la chiamata elettorale non ha riscontri nella storia della democrazia italiana, si riscontra solo nelle elezioni bulgare». Nello stesso documento - che sarà consegnato martedì in segreteria - sarebbe stato scritto, inoltre, che le votazioni si sono «svolte in maniera poco seria - racconta una fonte - Con persone che arrivavano con i fac-simile per capire cosa votare e le monete alla mano». Lì sarebbe stato aggiunto anche che alcuni cittadini consegnavano le ricevute di voto ad altre persone all'esterno del seggio. Il totale parla di 528 voti per Matteo Renzi, 133 per Andrea Orlando e 80 per Michele Emiliano. Strana è apparsa la presenza di alcune persone al circolo di viale Castagnola per tutta la giornata: tolti il presidente di circoscrizione Lorenzo Leone (il cui patronato Caf, peraltro, è proprio accanto alla sede del Pd) e il consigliere di municipalità Maurizio Famà, entrambi esponenti politici, c'era anche un'altra persona che si nota, assieme a votanti diversi, sia nelle riprese girate da questa testata nella mattinata sia in quelle del tardo pomeriggio.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×