Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

MeridioTrotter #2: Catania canta come Napoli
Il viaggio nel cuore della musica neomelodica

Business, malavita e passione. Tre ingredienti che costruiscono il mondo degli artisti etnei che si esibiscono in napoletano. Tra le vecchie glorie e la nuova generazione, fatta di parenti eccellenti ma anche di facce pulite. Questo episodio del nuovo format di MeridioNews parte da qui. Guarda il video

Luisa Santangelo

In piazza Palestro, al Fortino, pulsa il cuore napoletano di Catania. È da lì che parte il nuovo viaggio di MeridioTrotter, alla scoperta del mondo che ruota attorno agli artisti neomelodici. «Tutti li chiamano così, ma non sono neomelodici, sono napoletani. Se cantano un po' in napoletano, un po' in italiano, un po' in altre lingue tipo lo spagnolo, sono del genere napuligne», spiega a MeridioNews Franco Nobile, manager di esperienza ventennale e fondatore del Comitato feste del quartiere: un gruppo di residenti e commercianti che, ogni anno, organizzano un grande evento all'ombra di porta Garibaldi.

Come quello - impresso nella memoria del rione - in cui a  suonare insieme furono Gianni Celeste e Gianni Vezzosi. O quello che, tre anni fa, ha lanciato l'adesso 15enne Matteo Milazzo, diventato una star anche sul grande schermo grazie alla partecipazione al film Malarazza, nelle sale cinematografiche a novembre 2017. Un mondo fatto di spettacoli in strada, che la città dei caffè concerto ignora. Nonostante sia non solo una passione che unisce migliaia di catanesi, ma anche un business non indifferente: le feste in piazza fanno il paio con gli appuntamenti privati, per cui si pagano migliaia di euro. Cifre che dipendono anche dalla popolarità degli artisti: su YouTube i video collezionano milioni e milioni di visualizzazioni. In alcuni casi sfruttando temi che ammiccano alla criminalità organizzata. O che la esaltano.

«Io in casa mia non ho neanche un disco di musica napoletana», interviene Giuseppe Santonocito, la cui famiglia da tre generazioni manda avanti lo studio di registrazione GS records. «Prima di cominciare ascolto Natalie Cole, americana, o un po' di musica classica. E così mi preparo agli artisti napoletani. È il mio mestiere». Da quelle stanze tra Cibali e Nesima sono passati decine di cantanti neomelodici e l'investimento in strumentazione, negli anni, è stato di decine e decine di migliaia di euro. «Ho fatto tante cose nella mia vita - continua Santonocito - Non mi sento ghettizzato perché faccio neomelodica, come la chiamano». Anche perché, i pregiudizi non intaccano gli affari: «Magari uno c'ha il disco in macchina, poi arriva al corso Italia e lo cambia. Avvocati, dottori... Da una strada all'altra diventano altolocati», commenta Nobile. Mentre Peppe D'Agostino, cantante della sua scuderia, annuisce: ha 36 anni e di mestiere fa l'autista dei mezzi della nettezza urbana del Comune di Catania. «Lavoro da una vita - dice - Ma la passione per la musica non la lascio».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews