Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Maltempo, la conta dei danni nella provincia
Adrano, Biancavilla e Paternò zone più colpite

Le oltre 18 ore di vento nel Catanese hanno lasciato il segno. Centinaia gli interventi dei vigili del fuoco per ringhiere staccate, disagi nelle abitazioni, alberi spezzati e rami che ostruiscono le strade, pali dell'illuminazione crollati e strutture scoperchiate. Domani alcune scuole chiuse. Guarda le foto

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Dopo 18 ore di forte vento che su Catania e provincia, si contano i danni. Centinaia gli interventi dei vigili del fuoco del comando provinciale etneo e degli uomini dei vari distaccamenti dislocati su territorio. 

Ad Adrano domani alcune scuole restano chiuse. Un'ordinanza firmata dal primo cittadino, Pippo Ferrante, ha disposto la chiusura del terzo circolo didattico San Nicolò Politi di via Diritti del Fanciullo e della scuola materna del plesso Giobbe di via Catania. Nelle due scuole, stando alle segnalazioni giunte agli uffici comunali, risultano danneggiati alcuni pannelli in lamierino e le grondaie. Una situazione che rendere necessari dei controlli per garantire la sicurezza degli alunni e del personale scolastico, tanto che il sindaco adranita si riserva di prorogare la chiusura dei due edifici anche per i prossimi giorni. 

Disagi anche a Biancavilla, dove una copertura in lamiera si è distaccata e ha sfondato la parete di una abitazione provocando un grosso buco. Nella stessa cittadina, il vento ha anche danneggiato la copertura in lamierino della tribuna dello stadio Orazio Raiti, realizzata da poco e già non agibile.

Il vento non ha risparmiato nemmeno Santa Maria di Licodia. Qui a essere danneggiata è stata una parte del tetto della chiesa Santissimo Crocifisso. A Paternò, invece, il vento ha provocato il distacco di una ringhiera dal balcone di un appartamento di una palazzina a sette piani in via Milici. La caduta dall’alto ha provocato danni al tetto di una automobile che si è quasi sfondato. Chiuse al transito via Milici e via Battiati. Le raffiche di vento hanno causato anche il crollo dei pali della pubblica illuminazione in via Dalmazia e viale Alcide De Gasperi. Inoltre, una delle tre grandi croci in legno posizionate sulla Collina Storica, in occasione della Pasqua, è caduta sul sagrato. Alberi spezzati ovunque con rami ancora in strada. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×