Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna, Tar di Catania su caso della parentopoli guide
Ricorso «potenzialmente idoneo per annullamento»

La giustizia amministrativa si pronuncia ordinando nuovi documenti e rinviando una decisione al 20 settembre. Le prove fisiche per l'accesso alla formazione delle uniche figure abilitate ad accompagnare turisti su Etna e Stromboli erano finite nella bufera

Francesco Vasta

Foto di: giò giusa

Foto di: giò giusa

Tutto rinviato a settembre, ma l’ultima ordinanza del tribunale amministrativo catanese fa sperare chi auspica l’azzeramento della contestatissima selezione dei partecipanti all’ultimo corso di formazione per nuove guide dell’Etna. La quarta sezione del Tar etneo ha ordinato l'integrazione del contradditorio «rilevato – si legge nell’ordinanza emessa dal giudice Giovanni Iannini e firmata da Maurizio Antonio Francola - che il primo motivo di ricorso è potenzialmente idoneo a decretare l’annullamento dell’intera procedura concorsuale». Chi aveva chiamato in causa la giustizia amministrativa erano stati una quarantina dei partecipanti alle selezioni che sono oggetto, per altro verso, di una parallela indagine della procura di Catania sulla presunta parentopoli denunciata nelle scorse settimane in un esposto. Le presunte irregolarità durante le prove fisiche del 3 maggio scorso avrebbero finito per avvantaggiare figli e parenti - dieci persone su 19 vincitori totali della selezione - dei componenti del direttivo del Collegio regionale delle guide vulcanologiche, l’ente organizzatore del concorso. Ma ci sono anche le paventate anomalie nell’applicazione del regolamento delle prove, come nella rilevazione dei tempi, che hanno spinto le aspiranti guide a rivolgersi al Tar.

Le prove, cioè test di resistenza fisici condotti in alta quota sull’Etna, sono l’unica possibilità per essere ammessi al corso che forma le sole figure professionistiche abilitate ad accompagnare i turisti ai crateri di Etna e Stromboli, appunto le guide alpino-vulcanologiche. Dopo un blocco dei corsi lungo un quindicennio, negli ultimi due anni si sono tenuti ben due corsi di formazione. Il primo ha già immesso sul mercato del turismo siciliano una ventina di nuove guide; il secondo è invece finito nella bufera parentopoli, ma mentre la giustizia fa il suo corso le lezioni per i 19 vincitori vanno avanti. Ecco perché i ricorrenti hanno chiesto la sospensiva cautelare e l’annullamento del concorso.

Un altro ricorso chiedeva la riammissione di soli sette dei partecipanti esclusi – in totale gli iscritti erano più di cento – ed era stato respinto sempre dal Tar qualche giorno fa. Tutt’altra storia sembra riguardare, invece, il secondo appello sposato appunto da un numero ben maggiore di iscritti rimasti fuori. Serve però «integrare il contraddittorio – prescrive il Tar di Catania - anche nei confronti di tutti i candidati che abbiano superato con esito favorevole le prove concorsuali». Cioè produrre nuova documentazione. Fino al 23 agosto ci sarà tempo per presentare le memorie, anche appunto dalle parti chiamate in contradditorio. La camera di consiglio per la prosecuzione dell’esame della domanda cautelare dei ricorrenti è invece fissata al 20 settembre 2018.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×