Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«C'a munnizza c'ama fari? U Comuni l'ha livari»
Musica e cori al corteo attraverso San Cristoforo

In sella alle biciclette o coi palloni in mano. I bambini guardano incuriositi il passaggio della manifestazione contro le discariche abusive nel quartiere popolare della città. E la mobilitazione si trasforma in una colorata via crucis. Guarda le foto

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

«Permesso? Permesso? Possiamo passare, è permesso?». Ancora una volta, i bambini di San Cristoforo osservano con attenzione quello che accade in via Zuccarelli. Era stato così il 23 luglio, quando era stato uno di loro ad avvisare gli occupanti dell'incendio in corso, quello che di lì a poco avrebbe devastato la palestra dell'ex cinema oggi centro polifunzionale comunale. Ed è stato così stasera, durante la manifestazione che si è snodata per le stradine del quartiere, in una sorta di colorata e ritmata via crucis le cui tappe erano rappresentate dalle micro-discariche. Ecco una strada chiusa dai cassonetti della spazzatura. Ecco un accumulo di munnizza in un angolo. Ecco un cassonetto già mezzo bruciato. Tra una fermata e l'altra, sempre i ragazzini in sella alle biciclette o coi palloni in mano. Oppure, quelli troppo piccoli, seduti sulle sedie in mezzo alla strada, assieme a madri, nonne e zie.

«Mamma, guarda, i tamburi!», dice uno. La mamma ha in mano il cellulare e sta riprendendo la manifestazione. Dal giorno in cui parte della palestra del Midulla è bruciata per via di un incendio partito dai cumuli di rifiuti accumulati sulla strada, gli occupanti della struttura hanno rafforzato una battaglia che già prima conducevano: «Le strade sono fatte per camminare, per parlare, per incontrare persone, non per buttarci la spazzatura», dice Daniele Cavallaro, tra gli attivisti che gestiscono lo spazio comunale da quando lo hanno riaperto, all'inizio del 2017. La proposta che viene dal Midulla è diretta a Palazzo degli elefanti, unico interlocutore possibile: «San Cristoforo è un mercato a cielo aperto: è fatto di botteghe, di piccole attività commerciali condensate in un'area geografica relativamente piccola». Quindi, viste le sue caratteristiche peculiari, forse è il caso di non trattarlo come un quartiere come tutti gli altri.

«Chiediamo che la spazzatura qui venga gestita come nelle aree mercatali: raccolta della spazzatura due volte al giorno e strada disinfettata». In effetti, nei pressi delle micro-discariche l'asfalto annerito e l'aria maleodorante chiedono di più di un autocompattatore che passi e porti via i sacchetti. Su questo sono d'accordo tutti: è d'accordo l'anziana signora che si affaccia alla porta con un'amica e osserva il corteo passare da via Iuvara battendo il tempo con le mani; è d'accordo la sarta che esce in via Alonzo e Consoli e quando legge lo striscione («San Cristoforo non è una discarica») esclama, con convinzione: «Giusto è». Sono d'accordo anche i ragazzi che tengono aperto un garage, in via Testulla, a pochi metri da un negozio di attrezzature per i cavalli. Uno dei ragazzi riprende col suo smartphone il corteo, l'altro tira fuori dalla stalla un puledro marrone col manto lucidissimo, incurante delle forze dell'ordine che accompagnano la manifestazione.

La curiosità attorno alla mobilitazione è tanta, complice anche lo slogan dialettale in rima baciata: «C'a munnizza c'ama fari? U Comuni l'ha livari». Si vede dalle persone affacciate alle finestre, da chi sfrutta la terrazza, da chi si accoda per curiosità, da chi domanda da lontano. Il percorso non è lunghissimo: dura il tempo del quadrilatero incastrato tra via Iuvara e via Belfiore. Lungo la strada ci sono ancora i manifesti elettorali di due candidati alle passate amministrative: Riccardo e Filippo Pellegrino, che della loro appartenenza a quella zona di Catania (via Santa Maria della Salette è pochi metri più giù) hanno fatto argomento di campagna elettorale. Accanto ai loro manifesti adesso ci sono quelli del comitato del Midulla, in cui si ricordano le richieste da fare all'amministrazione. C'è una petizione che si può firmare per chiedere al Comune di ridistribuire i cassonetti, raccogliere più spesso la munnizza, rimuovere definitivamente le discariche. E poi c'è la richiesta d'aiuto: bisogna ricomprare quello che è andato bruciato al Midulla. Ci sono gli attrezzi per le attività di tutti i giorni da acquistare di nuovo. Chi vuole può donare.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×