Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Zona industriale, un riccio ferito muore senza cure
Il volontario: «È una sconfitta di tutta la Regione»

In tutta la Sicilia è rimasto un solo centro di recupero per la fauna selvatica, in provincia di Palermo. Tutti gli altri, compreso quello di Valcorrente, hanno chiuso per mancanza di fondi. Così Alessandro Tringale non ha trovato aiuto per l'animale trovato

Giorgia Lodato

«Pensavo fosse morto, invece quando l’ho toccato ho visto che respirava e l’ho preso, anche se non sapevo cosa fare e a chi rivolgermi». È ancora scosso Alessandro Tringale dell’associazione Teg4friends per la morte del riccio che il volontario ha trovato due giorni fa alla zona industriale di Catania, dove insieme ai colleghi si prende cura di alcuni cani randagi che vivono in quell’area. Scosso non soltanto per la morte del piccolo animale, ma soprattutto perché tra mille telefonate non è riuscito a trovare qualcuno che potesse prestare soccorso. «Tutti i centri di recupero fauna selvatica siciliani, compreso quello di Valcorrente, hanno chiuso per mancanza di fondi – lamenta Tringale a MeridioNews - In tutta l’Isola è rimasto solo quello di Ficuzza, in provincia di Palermo, dove sono stato quest’estate da visitatore, scoprendo che recuperano quotidianamente animali da tutta la Sicilia, facendo quello che possono e vivendo esclusivamente di donazioni».

«Quando trovi un animale selvatico non puoi fare nulla – continua – e la cosa più grave è la mentalità che c’è in giro, come dimostra la risposta che mi ha dato un dipendente dell'ispettorato dipartimentale delle foreste a cui ho telefonato a fine luglio quando una mia amica ha trovato, sempre alla zona industriale, un gabbiano ferito e mi ha chiamato per avere sostegno e qualche consiglio». Alessandro racconta di avere chiamato agli uffici alle 14.15 di un venerdì pomeriggio, ma il suo interlocutore lo ha avvisato che erano andati tutti via alle 14 e che non avrebbero riaperto prima di lunedì. «Di fronte alla mia perplessità su cosa fare, all'epoca, con il gabbiano mi ha risposto semplicemente dandomi un suo consiglio personale: fare finta di non aver visto l’animale in difficoltà e continuare la mia giornata. Sono rimasto veramente scioccato di fronte a tanta superficialità».

La stessa da molti dimostrata anche di fronte al riccio sofferente a causa – si è poi scoperto – di un buco in testa, probabilmente dovuto al morso di un cane. «L’ho portato da un veterinario privato che però non è abituato ad avere a che fare con questo genere di animali – chiarisce il ragazzo - allora ho chiamato il centro di recupero La ninna di Cuneo, specializzato in ricci. Mi ha chiesto di portarlo da un veterinario dicendo che avrebbe pensato lui a dare delle dritte al collega, ma l’animale essendo spaventato e sofferente è rimasto appallottolato per tutto il pomeriggio, senza dare la possibilità al medico di visitarlo». Solo quando Alessandro è arrivato a casa il riccio si è aperto, mostrando al volontario la ferita in testa. Così si è rivolto a uno dei veterinari che lavoravano al centro di Valcorrente e che si occupa di animali selvatici, ma il tempo non è stato sufficiente e l’animaletto non ce l’ha fatta a resistere.

«Il punto è che in Sicilia hanno tagliato del tutto i fondi per i centri di recupero della fauna selvatica e quindi se trovi una volpe, un volatile o un riccio ferito non c’è soccorso. È assolutamente necessario che la Regione riattivi i fondi per questi centri, come fanno le regioni del Nord Italia, o la fauna selvatica tra la caccia e la mancanza di soccorsi finisce per andare perduta», sottolinea Tringale, che svela anche il suo sogno di aprire un centro per conto proprio. «Purtroppo non è così facile, è una struttura dove occorrono veterinari 24 ore su 24, cibo e medicine, e non si può alimentare solo di volontariato». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×