Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Droga Italia-Albania, chiesti 18 anni per Moisi Habilaj
Alla sbarra i trafficanti che rifornivano i clan mafiosi

La condanna più pesante è quella che rischia il cugino dell'ex ministro dell'Interno albanese Saimir Tahiri. Su quest'ultimo si indaga a Tirana ormai da diversi mesi. I sospetti sono sempre quelli: intrecci tra uomini dello Stato e trafficanti

Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Richieste di condanne esemplari. Sono quelle che la procura di Catania ha chiesto questa mattina per gli imputati del processo Rosa dei venti che hanno scelto il rito abbreviato. Tra questi c'è Moisi Habilaj, cugino dell'ex ministro dell'Interno albanese Saimir Tahiri. Per lui il magistrato Antonio Bonomo ha chiesto la pena più alta: 18 anni e otto mesi ma con la concessione delle attenuanti equivalenti. In carcere dalla fine del 2017 ha assistito a tutta l'udienza in silenzio, dietro le sbarre di un'aula del secondo piano del palazzo di giustizia di Catania. Fuori dalla porta una decina di familiari degli altri imputati. L'uomo è considerato dall'accusa al vertice di un cartello specializzato nell'importazione di marijuana dall'Albania.

Nell'elenco delle persone sotto processo ci sono anche i suoi presunti complici albanesi. Per Meridian Sulaj sono stati chiesti 12 anni e quattro mesi, mentre per Fatmir Minaj l'assoluzione. Nazer Seiti, considerato il cassiere, rischia sei anni. L'organizzazione, che in Albania avrebbe goduto di protezione da parte di alcuni pezzi deviati delle forze dell'ordine, effettuava i traffici principalmente via mare, grazie al supporto di alcuni pescherecci. Quando la droga arrivava in Italia si sarebbe passati al secondo livello, per via di alcuni uomini deputati all'acquisto e alla successiva rivendita ai clan mafiosi delle province di Catania, Siracusa e Ragusa

Per Antonio Riela, attualmente detenuto, la procura ha chiesto 15 anni di carcere. Sono invece otto gli anni che rischia Angelo Busacca. A questi si aggiungono Gianluca Spampinato, 10 anni e quattro mesi, Gianluca Passavanti, quattro anni e 20mila euro di multa. Per William Patanè, Fabio Spampinato, Carmelo Bertolini, Enrico Maria Giaquinta, Massimiliano Brundo, Antonio Greco, Giuseppe Greco e Rosario Giuliano due anni, quattro mesi e seimila euro di multa.

All'inchiesta italiana, effettuata dalla guardia di finanza, successivamente è stato affiancato un fascicolo della procura dei crimini gravi di Tirana. Sotto la lente d'ingrandimento proprio il parente politico di Habilaj. Tahiri ha sempre respinto le accuse ma l'indagine nei suoi confronti continua. In Italia nei mesi scorsi sono arrivati anche i magistrati albanesi. Alle loro domande, nel carcere di Bicocca, Habilaj ha deciso di rispondere ma i contenuti dei verbali, almeno per il momento, non sono stati resi noti. I sospetti sul presunto intreccio tra uomini dello Stato e trafficanti continuano.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×