Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Processo Scirè, in aula lo storico Giuseppe Marino
I «confini della Storia» e l'ombra della prescrizione

Il procedimento che riguarda un concorso per un incarico da ricercatore in Storia contemporanea - vinto da un'architetta - avanza a piccoli passi. L'udienza di martedì ha rischiato di non aprirsi per ragioni procedurali. La prossima si terrà il 22 gennaio

Marco Militello

Foto di: Marco Militello

Foto di: Marco Militello

Ha rischiato di non aprirsi affatto, martedì scorso, di mattina, l'udienza del processo che riguarda il contestato concorso per un incarico triennale da ricercatore in Storia contemporanea bandito nel 2011 dell'università di Catania. Per via di una sostituzione nel collegio giudicante, infatti, la presidente Maria Pia Urso aveva richiesto - in un primo momento - che le testimonianze rilasciate in aula nelle fasi precedenti venissero di nuovo controfirmate dai testi. In altre parole, sarebbe servita la firma dei docenti Salvatore Lupo e Luciano Granozzi, entrambi assenti, ascoltati lo scorso 4 luglio, pena il rinvio della seduta. L'opposizione dell'avvocato Enrico Di Martino - che difende Giambattista Scirè, il ricercatore giunto secondo a quella selezione - ha infine evitato che l'udienza venisse rinviata. 

Alla sbarra, con l'accusa di abuso d'ufficio in concorso, ci sono i componenti della commissione esaminatrice dei titoli concorsuali. Sono i professori Simone Neri Serneri, dell'università di Siena, Luigi Masella, dell'ateneo di Bari, e Alessandra Staderini, dell'università di Firenze. Scirè, come detto, giunse secondo a quel concorso, per poco meno di tre punti, in favore di Melania Nucifora, ricercatrice con una laurea in Architettura. Un titolo che il Tar ha già definito «inidoneo». In aula, martedì, è stato interrogato lo storico della mafia dell'università di Palermo Giuseppe Carlo Marino, a cui Scirè si rivolse per un parere da esperto all'indomani del concorso. «Ho spiegato - spiega Marino a MeridioNews - che al di là dei diritti di Giambattista Scirè, questo caso ha un valore universale. Al termine di questo processo - continua il docente - capiremo se all'università "comanda" la legge o la tecnica, per così dire». 

A Marino è stato anche chiesto se la storia dell'Urbanistica (campo di specializzazione della vincitrice del concorso) non faccia parte in qualche modo della Storia contemporanea, non ne sia una sua parte. «Se così fosse, allora potremmo inserire anche la letteratura italiana», ha commentato il testimone. Il tema dei «confini» della materia era stato affrontato in aula da Salvatore Lupo. La prossima udienza si terrà il 22 gennaio 2019. Quel giorno verrà ascoltato il presidente della commissione esaminatrice Simone Neri Serneri. Scirè e il suo legale, frattanto, sono in apprensione per i tempi del processo. La prescrizione, secondo l'avvocato Di Martino, dovrebbe sopraggiungere nel giugno 2019, tra appena sei mesi e mezzo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email