Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caso Micron, c'è accordo per i 241 ex dipendenti
«Possibile pure l'immediata ricollocazione in St»

Il patto è stato siglato nel tardo pomeriggio di ieri al ministero dello Sviluppo economico. Per le organizzazioni sindacali è «positiva la scelta della multinazionale di trovare immediatamente soluzioni per l'occupazione», come affermano dalla Fiom

Marta Silvestre

L'accordo è stato raggiunto: sono salvi i posti di lavoro dei 241 ex dipendenti dello stabilimento della multinazionale statunitense Micron - realtà industriale nella microelettronica - che ha deciso di chiudere. Il patto, dopo vari incontri fra le parti, è stato siglato nel tardo pomeriggio di ieri, al ministero dello Sviluppo economico, con St Microelectronics e le organizzazioni sindacali Fim, Fiom e Uilm. 

Nello specifico, le lavoratrici e i lavoratori avranno tre possibilità: la ricollocazione in un altro sito di Micron in Italia (Arzano, Avezzano, Padova o Vimercate) o all'estero; l'assunzione nel sito catanese della St, a tempo indeterminato e senza applicazione del Jobs act, oppure la risoluzione del rapporto di lavoro con un incentivo economico. 

«La chiusura è una pessima notizia - dicono dalla Fiom - come sempre quando un’azienda decide di disimpegnarsi da un territorio. È positivo però che, attraverso questo accordo, i lavoratori abbiano la possibilità di una immediata ricollocazione, scegliendo fra le possibilità proposte. Una scelta, quella della multinazionale di trovare immediatamente soluzioni occupazionali in risposta alla chiusura, figlia delle lotte messe in atto dalle lavoratrici e dai lavoratori nel 2014 quando, con un mese e mezzo di iniziative di mobilitazione, si opposero al piano di Micron che prevedeva licenziamenti collettivi in tutto il gruppo».

In particolare, Micron ha manifestato l’intenzione di trattenere 70 lavoratori con profili professionali con il trasferimento in altre sedi, nell’intesa la scelta su questa opzione resta dei lavoratori. Il passaggio dei lavoratori alla St Microelectronics avverrà per il periodo che va da febbraio a giugno 2019, in questo periodo sono previsti incontri con le organizzazioni sindacali e il monitoraggio dell’accordo. Da parte di St c’è l’impegno alla formazione dei lavoratori provenienti da Micron per agevolarne l’inserimento.

«Siamo finalmente giunti alla fine di questa importante trattativa - hanno affermato la senatrice Nunzia Catalfo, presidente della commissione Lavoro, e la deputata Laura Paxia - Esprimiamo tutta la nostra soddisfazione per il risultato ottenuto». Per le due esponenti catanesi del Movimento 5 stelle «quello di ieri rappresenta un momento molto importante per la tutela di questi lavoratori e delle loro famiglie, che potranno così contare su un ricollocamento immediato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×