Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, sentenza Tar giudica abusive opere Cable park
Caudullo: «Non inficia il progetto, per noi è una vittoria»

Il tribunale amministrativo etneo si è espresso sul procedimento che vede la ditta contro il Comune di Acireale, la Regione e l’Asp. «Aspettiamo la prossima conferenza dei servizi per dare di nuovo vita al progetto», dice a MeridioNews il direttore dei lavori

Carmelo Lombardo

Non tramonta il progetto del Cable Park - il centro sportivo acquatico che dovrebbe sorgere ad Acireale - ma le opere realizzate nel cantiere sono state dichiarate abusive. Questo è quanto pronunciato dalla prima sezione del Tar di Catania con la sentenza dello scorso 27 dicembre. Il procedimento ha visto coinvolti i rappresentanti della ditta di Wake Surf Center Srl di Misterbianco insieme al progettista e direttore dei lavori Gianfranco Caudullo, contro il Comune di Acireale, l'Asp di Catania, l'assessorato al Territorio e Ambiente, alle Infrastrutture e alla mobilità, ai Beni culturali e il Genio civile. 

Le opere in questione, delle costruzioni in legno e un invaso per l’acqua, sorgono nella frazione acese di Aci Platani e sono al centro del dibattito politico e giuridico dal 2016. Da quando la società, usufruendo di un finanziamento del Coni e in accordo con lo Sportello per le attività produttive, ha pensato di investire ad Acireale e mettere mano a quello che doveva essere un polo sportivo per discipline acquatiche, come il wakeboard e lo sci nautico. 

Il giudizio del tribunale amministrativo, che secondo molti segna il fatto che il progetto del Cable Park difficilmente vedrà la luce, è stato interpretato però come una «vittoria» da parte del progettista Gianfranco Caudullo, l'ingegnere che in passato è stato scelto anche come assessore designato del Movimento cinque stelle di Catania e di Aci Catena. «Questa sentenza rimette il treno sui binari: possiamo portare l’opera a compimento - afferma - Dopo cinque conferenze di servizi, adesso ci sono al massimo 60 giorni di tempo per convocare quella definitiva con cui si potrà far ripartire il progetto: non si può bocciare solo perché c’è un’opera abusiva». 

Di avviso contrario è Francesco Fichera, ex assessore all’Urbanistica nella giunta acese di Roberto Barbagallo. «La sentenza parla chiaro: le opere vanno demolite perché abusive». Fichera, che insieme all’ex sindaco si era fatto promotore dell’iniziativa, ammette di essere stato da sempre a favore della realizzazione del Cable Park, ma che «non sapevo delle opere abusive - ammette - sebbene eravamo a conoscenza del procedimento della richiesta di variante. Quando i lavori sono stati sospesi lo abbiamo appreso dagli uffici. I privati, prima di costruire, avrebbero dovuto aspettare che il procedimento si concludesse. Adesso si deve rispettare la sentenza». 

Parole dalle quali Caudullo sembra dissentire. «C’è chi dice che abbiamo costruito prima di avere i permessi necessari, ma questa cosa rimane molto interpretabile: noi abbiamo costruito entro uno spazio agricolo che non abbiamo modificato - risponde - Quando si eseguirà la procedura per l’abbattimento di opere abusive, chiederemo l’accertamento di conformità. La demolizione non può esistere: aspettiamo di andare in conferenza di servizi». Il cantiere nasce a ridosso di una zona con dei vincoli paesaggistici, vicino al Parco delle Aci e al torrente Lavinaio-Platani

«A giugno 2018 - continua Caudullo - l’assessorato ai Beni culturali ha detto che le opere non devono essere demolite: abbiamo la compatibilità paesaggistica». Collateralmente al procedimento amministrativo, Caudullo e l’amministratore della società sono coinvolti in un procedimento penale per abuso edilizio in una zona sottoposta a vincolo. Passaggio, quest’ultimo, che aveva portato la magistratura ad apporre i sigilli ai cancelli del cantiere: «Il procedimento penale è ancora aperto - conclude -. Noi ci aspettiamo l’archiviazione perché la magistratura ha deciso di togliere i sigilli al cantiere: questo è già un segnale positivo».

Nel luglio del 2017, quando i lavori sono quasi completi, il cantiere viene fermato dopo un controllo da parte dei vigili urbani. Lo stop arriva perché il cantiere nasce su un terreno a uso agricolo, che avrebbe dovuto essere convertito in zona territoriale omogenea per essere edificabile. Passaggio, questo, per cui è stata necessaria l’assoggettabilità a Vas (valutazione ambientale strategica) delle opere, su cui si è espressa la Regione alla fine del 2017, con qualche mese di ritardo. Si aspettava poi la variante al piano regolatore per essere discussa in Consiglio comunale. 

Dopo mesi in cui la vicenda era rimasta in stallo, arriva il giudizio del tribunale amministrativo che giudica incompatibile la portata delle opere con il terreno a destinazione agricola. Un altro punto contestato alla società è poi l’erronea presentazione della Cila (comunicazione di inizio lavori asseverata), documento con cui la società ha suffragato la bontà dei lavori in cantiere, ma che è stata considerato non efficace per costruire. In ultimo, il Tar ha imposto al Comune di Acireale e alla conferenza di servizi di rideterminarsi entro i 60 giorni dalla notifica della sentenza per dare il proprio parere sulla variante al piano regolatore generale. La variante, sebbene non sani totalmente gli abusi commessi, è necessaria per tenere a galla il progetto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×