Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Esplosione via Garibaldi, archiviazione per pompiere
Nessun flex usato, innesco dall'interno del deposito

Il caposquadra dei vigili del fuoco di Catania, Marcello Tavormina, era stato indagato per disastro colposo e omicidio colposo plurimo. A perdere la vita nella deflagrazione dello scorso 20 marzo era stati due pompieri e il titolare della bottega

Marta Silvestre

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Disastro colposo e omicidio colposo plurimo. Erano queste le accuse con cui la procura etnea aveva indagato il caposquadra dei vigili del fuoco di Catania, Marcello Tavormina, intervenuto la sera del 20 marzo scorso per l'esplosione avvenuta in via Garibaldi a Catania. A perdere la vita nella deflagrazione erano stati i due vigili del fuoco, Dario Ambiamonte e Giorgio Grammatico, e Giuseppe Longo, il titolare di un deposito di biciclette allestito all'interno della bottega, di cui poi è stata ritrovata una lettera che ne ha confermato i propositi suicidiari. Tesi confermata anche dalle tre bombole portate fuori dall'officina dai soccorritori la sera stessa dell'esplosione. Accogliendo la richiesta inoltrata dalla procura, il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Catania ha disposto l'archiviazione del procedimento iscritto nei confronti di Tavormina che, nel corso delle operazioni, rimase ferito insieme al collega Giuseppe Cannavò

Sono le 19.25, quando la squadra dei pompieri viene inviata in via Garibaldi, all'altezza del civico 335, per una possibile fuga di gas proveniente da una bottega al pianterreno. Mentre i vigili tentano di entrare da uno degli ingressi, parte la deflagrazione. Alcuni organi di stampa cominciano a diffondere la notizia - subito smentita dai pompieri e rivelatasi falsa - che i vigili del fuoco avrebbero utilizzato un flex per tentare di aprirsi un varco nella saracinesca che era stata chiusa dall'interno con un lucchetto. Tre le ipotesi, messe in campo in un primo momento per spiegare l'innesco che ha provocato la deflagrazione, l'uso di un attrezzo da parte di uno dei soccorritori, un'iniziativa volontaria del gestore della bottega o un evento accidentale

A occuparsi delle indagini sono state la squadra mobile e la polizia scientifica. Coinvolto anche il titolare della cattedra di Chimica industriale e tecnologia dell'Università La Sapienza di Roma, al quale è stato conferito l'incarico di accertare le cause dell'esplosione. Le verifiche hanno permesso di riscontrare che è stata innescata dall'interno dei locali e che le iniziative assunte dai vigili del fuoco non hanno influito in alcun modo. «Risulta pertanto accertato che i vigili del fuoco, in una situazione di elevatissimo rischio - scrive la procura etnea - hanno agito nel risoluto tentativo di trarre in salvo l'uomo barricatosi all'interno della bottega, rimanendo vittime incolpevoli di un'esplosione dagli stessi non provocata, in quanto il decesso è conseguito al violento impatto con la pesante porta di ingresso di via Garibaldi, che li investiva con devastante forza d'urto dopo essersi staccata dai cardini per effetto dell'esplosione».

«Il caposquadra Tavormina, che è stato prosciolto da ogni accusa, è ancora segnato dalla non facile e dolorosissima esperienza - scrivono in una nota i suoi avvocati difensori, Dalila Alati e Davide Tutino - Vuole manifestare un cenno di riconoscenza verso tutti coloro i quali nello sviluppo della vicenda hanno mostrato, nelle forme più varie e nel massimo rispetto del ruolo di ciascuno, la propria vicinanza e affetto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×