Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Arrestato al porto con la pistola sotto la sella dell'Harley
A Striscia disse: «Quel pentito è un morto che cammina»

Istruttore di arti marziali amante delle moto, Ugo Tony Scarvaglieri è finito ai domiciliari. Sbarcato al porto di Catania, aveva con sé un'arma carica con matricola abrasa. Il suo volto era apparso in un servizio di Stefania Petyx sui falsi necrologi ad Adrano

Marta Silvestre

Ugo Tony Scarvaglieri è arrivato al porto di Catania a bordo della sua Harley Davidson, appena sceso dalla nave di linea proveniente da Salerno. Nel corso di un controllo, i militari della Guardia di finanza hanno trovato sotto la sella della motocicletta una pistola semiautomatica con matricola abrasa - modello Beretta 35 - avvolta in un panno di stoffa e già pronta all'uso con tanto di caricatore inserito e otto proiettili, e un coltello a serramanico con lama in acciaio. Così il 46enne, già noto alle forze dell'ordine per precedenti nell'ambito del possesso illegale di armi bianche, è finito agli arresti domiciliari.  

Istruttore di arti marziali e appassionato di moto, il volto di Scarvaglieri è conosciuto da tutti dopo essere andato in onda in un servizio di Striscia la notizia dell'ottobre del 2017. Capelli rasati a doppio taglio e braccia piene di tatuaggi, indossava una maglietta nera con il simbolo degli Hells Angels. Un club di motociclisti nato negli Stati Uniti, e diffuso in tutto il mondo, i cui membri tradizionalmente utilizzano motociclette Harley Davidson. Lo stesso che secondo il dipartimento di giustizia degli Stati Uniti è da considerare come una vera e propria organizzazione criminale.

Poco meno di due anni fa, le telecamere del programma di Canale 5 inquadrarono Scarvaglieri davanti al microfono di Stefania Petyx. La giornalista palermitana stava raccogliendo, in giro per Adrano, delle interviste dopo lo strano necrologio apparso sui muri del paese. Sul manifesto funebre compariva il nome del finito morto Valerio Rosano. L'uomo, da anni appartenente all'omonimo clan adranita, si era da poco pentito decidendo di collaborare con la giustizia. È a quel punto che, in paese, erano stati affissi i necrologi.

L'inviata di Striscia chiedeva ai cittadini di prendere una posizione netta nei confronti di Cosa nostra. Ovvero fare un selfie con un cartello e la scritta La mafia fa schifo, una versione ancora più esplicita della celebre frase di Peppino Impastato. Tra chi accettava di buon grado di farsi fotografare con il foglietto in bella vista, chi rifiutava categoricamente, chi ammetteva di avere paura e chi rispondeva di preferire frasi più prudenti e soft - come «La mafia non è una cosa piacevole» - compariva anche il volto di Scarvaglieri. «È vivo ma sicuramente è morto nel cuore di qualcuno. È un morto che cammina. Fa schifo e, per me, si è ammazzato da solo», rispondeva a Stefania Petyx l'uomo che oggi è finito agli arresti domiciliari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×