Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Stupro Acireale, Cassazione rigetta ricorso della procura
Confermata la mancanza dei gravi indizi di colpevolezza

L'udienza davanti ai giudici ermellini si è tenuta ieri, mentre la decisione è stata resa nota pochi minuti fa. I pm etnei avevano deciso di opporsi alla decisione di rimettere in libertà i due principali indagati per i fatti accaduti l'estate scorsa a Misterbianco

Simone Olivelli

La Cassazione ha rigettato il ricorso della procura di Catania a seguito all'annullamento dell'ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei due acesi accusati di avere violentato una ragazza nel parcheggio di una discoteca nella periferia di Misterbianco. I fatti risalgono all'estate scorsa: stando alla versione della giovane, lo stupro sarebbe avvenuto all'interno di un'auto, su cui era salita dopo avere accettato un passaggio per tornare a casa. L'indagine, in cui è coinvolto anche un terzo ragazzo, a fine ottobre ha portato all'arresto dei due. La permanenza nel carcere di piazza Lanza è durata poco più di un mese, fino a fine novembre quando sono stati rimessi in libertà.

All'origine della decisione del tribunale del Riesame c'è stata la contestazione riguardante gli indizi di colpevolezza che, secondo i giudici, non sarebbero stati così gravi da giustificare la custodia cautelare. Una tesi contro cui la procura di Catania si è opposta, presentando il ricorso alla Suprema Corte. L'udienza davanti ai giudici ermellini si è tenuta ieri: un confronto durante il quale la sostituta procuratrice Michela Maresca ha sostenuto che il Riesame non ha tenuto sufficientemente in conto le parole di alcuni testimoni vicini alla ragazza, mentre i legali della difesa hanno depositato una memoria per ribadire la propria linea. Ovvero che il rapporto sessuale c'è stato, ma con il consenso della giovane. Il verdetto è arrivato pochi minuti fa: la decisione di scarcerare i due acesi è stata condivisa dalla Cassazione. 

Nel frattempo l'inchiesta resta aperta. A inizio marzo la giovane è stata sentita in un lungo interrogatorio, chiesto come incidente probatorio dai magistrati. Nelle quattro ore in cui ha risposto alle domande della magistrata e degli avvocati difensori, la ragazza ha confermato quanto sostenuto dal principio: la violenza sessuale ci sarebbe stata.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×