Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Stupro Acireale, Cassazione rigetta ricorso della procura
Confermata la mancanza dei gravi indizi di colpevolezza

L'udienza davanti ai giudici ermellini si è tenuta ieri, mentre la decisione è stata resa nota pochi minuti fa. I pm etnei avevano deciso di opporsi alla decisione di rimettere in libertà i due principali indagati per i fatti accaduti l'estate scorsa a Misterbianco

Simone Olivelli

La Cassazione ha rigettato il ricorso della procura di Catania a seguito all'annullamento dell'ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei due acesi accusati di avere violentato una ragazza nel parcheggio di una discoteca nella periferia di Misterbianco. I fatti risalgono all'estate scorsa: stando alla versione della giovane, lo stupro sarebbe avvenuto all'interno di un'auto, su cui era salita dopo avere accettato un passaggio per tornare a casa. L'indagine, in cui è coinvolto anche un terzo ragazzo, a fine ottobre ha portato all'arresto dei due. La permanenza nel carcere di piazza Lanza è durata poco più di un mese, fino a fine novembre quando sono stati rimessi in libertà.

All'origine della decisione del tribunale del Riesame c'è stata la contestazione riguardante gli indizi di colpevolezza che, secondo i giudici, non sarebbero stati così gravi da giustificare la custodia cautelare. Una tesi contro cui la procura di Catania si è opposta, presentando il ricorso alla Suprema Corte. L'udienza davanti ai giudici ermellini si è tenuta ieri: un confronto durante il quale la sostituta procuratrice Michela Maresca ha sostenuto che il Riesame non ha tenuto sufficientemente in conto le parole di alcuni testimoni vicini alla ragazza, mentre i legali della difesa hanno depositato una memoria per ribadire la propria linea. Ovvero che il rapporto sessuale c'è stato, ma con il consenso della giovane. Il verdetto è arrivato pochi minuti fa: la decisione di scarcerare i due acesi è stata condivisa dalla Cassazione. 

Nel frattempo l'inchiesta resta aperta. A inizio marzo la giovane è stata sentita in un lungo interrogatorio, chiesto come incidente probatorio dai magistrati. Nelle quattro ore in cui ha risposto alle domande della magistrata e degli avvocati difensori, la ragazza ha confermato quanto sostenuto dal principio: la violenza sessuale ci sarebbe stata.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews