Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cibali, iniziati i lavori di riqualificazione del lavatoio
Quindici giorni per svuotarlo da montagne di rifiuti

«Sa che c'era? Fango, cemento, palummi motti...». Dalle sette di questa mattina gli operai della partecipata comunale Multiservizi sono in via Valdisavoia, nei pressi di piazza Bonadies, per ripulire lo storico lavatoio del quartiere dello stadio. Guarda le foto

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

«All'inizio è venuto difficile anche a me... Sa che c'era? Fango, cemento, palummi motti...». Gli operai della Multiservizi di Catania sono al servizio dalle sette di questa mattina al lavatoio di Cibali, in via Valdisavoia, nei pressi di piazza Bonadies. L'intervento annunciato ieri dall'amministrazione comunale con una nota stampa è partito nelle prime ore della giornata e, subito, si è manifestato più complicato di quanto ci si aspettasse. Colpa dello stato di totale degrado a cui la struttura è abbandonata da ormai anni. A cui si è aggiunto, inoltre, l'impasto di cemento che ha invaso la vasca principale ed è lì dai giorni in cui Fce tentava di mettere una pezza sui buchi della mancata impermeabilizzazione del tunnel d'accesso alla galleria della vicina stazione metro, ancora chiusa. «Ci vorranno almeno quindici giorni», dicono i lavoratori.

Il lavoro più pesante sarà ripulire lo spazio in cui l'acqua una volta scorreva liberamente e che adesso, invece, è pieno di fango e melma. Tutto attorno, nel frattempo, sono stati rimossi gli escrementi dei piccioni, le carcasse degli animali ormai in decomposizione e svariati chili di vegetazione spontanea che è cresciuta vicino ai muri e nella vasca. Nei prossimi giorni, inoltre, sarà necessario ripulire e ridipingere le assi di legno che sostengono il tetto e che da tempo sono la casa di decine di volatili. Successivamente, proprio per evitare che il problema possa ripresentarsi, dovrebbero essere installati gli spuntoni che dovrebbero impedire la sosta degli uccelli.

Gli operai, con le mascherine sul viso e le tute apposite gettano le sterpaglie nel cassonetto della Dusty piazzato davanti alla porta d'ingresso. Accanto, nei pressi degli contenitori per la raccolta differenziata, ci sono un materasso, diversi mobili smontati e le tapparelle di alcune persone. Tutto materiale di scarto che staziona lì da giorni. Altri rifiuti dello stesso genere sono abbandonati al di là di un muro proprio accanto al lavatoio. «I lavori li stiamo svolgendo da soli - precisano i lavoratori Multiservizi - Non ci sono dipendenti comunali né nessun altro. E invece sembra che siamo noi l'origine di tutti i problemi del Comune».

Ci vuole poco perché si riuniscano tutti a lamentare il ritardo nell'erogazione dello stipendio (l'ultimo è arrivato ad aprile, manca ancora quello di maggio) e, soprattutto, le poche certezze sul futuro della partecipata comunale, soprattutto dopo la dichiarazione del dissesto economico-finanziario del municipio e la conseguente necessità di Palazzo degli elefanti di tagliare sulle spese. «Senza la Multiservizi come si facevano questi lavori? Con quali soldi?», domandano. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×