Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

UniCt, si dimette anche il direttore Giovanni Gallo
«Una scelta fatta per proteggere il dipartimento»

Il professore ha inviato una breve lettera ai componenti del dipartimento di Matematica e informatica. «Ringrazio tutti per la collaborazione in questi 44 mesi in cui ho avuto l'onore di servirvi», scrive. Il rettore Francesco Basile si è dimesso ieri

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

«Ho presentato le mie dimissioni immediate e irrevocabili dalla responsabilità di direttore del dipartimento di Matematica e informatica». Assieme al rettore Francesco Basile, è anche il direttore del Dmi Giovanni Gallo a rassegnare le sue dimissioni dal ruolo che ricopriva quando è stato coinvolto dall'inchiesta Università bandita della procura di Catania. «Faccio questa libera scelta - si legge nella lettera inviata ai colleghi e al personale - affinché il mio amatissimo dipartimento sia protetto da ogni vicenda che mi coinvolge e per meglio difendere la mia personale onorabilità».

Gallo è una delle 66 persone indagate perché, secondo l'accusa, parte di un sistema di concorsi pilotati per l'accesso alle carriere accademiche. Ieri era stato Basile a lasciare l'incarico che ricopriva da febbraio 2017, succedendo all'altro ex magnifico indagato Giacomo Pignataro. Prima ancora di Pignataro al vertice dell'ateneo sedeva Antonino Recca, anche lui nell'elenco dei 66 su cui si è abbattuto lo scandalo. 

«Ringrazio tutti dell'aiuto, pazienza e collaborazione mostratami con generosità in questi ultimi 44 mesi in cui ho avuto l'onore di servirvi - prosegue il professore Gallo - Assicuro a chi mi segue e a tutti, massimamente agli studenti, servizio, amicizia e collaborazione cordiale». Il suo nome è stato associato per lo più a un'intercettazione, registrata dagli investigatori, in cui diceva, a proposito della elezione dei componenti del Consiglio di amministrazione dell'ateneo: «Basile li ha benedetti tutti e quattro, quindi abbiamo obbedito al rettore. Questo è quello che abbiamo fatto». Spiegando l'indirizzo politico ricevuto dal rettore per le votazioni del cda, in un momento storico di grave confusione istituzionale.

Per domani è fissato l'inizio degli interrogatori di garanzia dei professori indagati. Saliranno le scale di piazza Verga per parlare di fronte al giudice per le indagini preliminari. La procura di Catania, che aveva chiesto i domiciliari ma ha ottenuto dal gip solo le sospensioni dai rispettivi uffici, ha annunciato che farà ricorso al tribunale del Riesame. Nel frattempo, il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti ha annunciato, dalle colonne del Messaggero, che intende usare il pugno duro nei confronti dei docenti coinvolti. «Abbiamo immediatamente richiesto alla procura di Catania di fornirci la lista completa dei nomi dei docenti coinvolti nell'indagine penale. E procederemo conseguentemente a sospenderli non solo dalle commissioni di concorso, ma da qualsiasi eventuale rapporto di collaborazione in essere con il Miur», ha dichiarato ai giornalisti romani.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.