Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ecco cosa prevede l'accordo di vendita di Tecnis
«Sede resta a Catania, garantiti posti di lavoro»

L'ufficializzazione è arrivata ieri dopo un incontro a Roma tra le società e i rappresentanti sindacali. Il via libera era arrivato, alla fine di giugno, dal Mise. Tra le società cedute ci sono anche le consortili San Marco scarl e Metro Catania 2013 scarl

Marta Silvestre

Foto di: Tecnis

Foto di: Tecnis

Le società del gruppo Tecnis, il colosso catanese delle costruzioni, sono state acquistate dal gruppo campano D’Agostino costruzioni. L'ufficialità è arrivata ieri a conclusione dell'incontro che si è tenuto a Roma tra le società e i rappresentanti sindacali nazionali e locali di Filca Cisl, Fillea Cgil e Fenea Uil. Il via libera alla vendita era arrivato, lo scorso 28 giugno, dal ministero dello Sviluppo economico che ha seguito l'intera vicenda da quando Tecnis è stata ammessa alla procedura di amministrazione straordinaria. Tra le società cedute ci sono anche le consortili San Marco scarl e Metro Catania 2013 scarl che stanno realizzando, rispettivamente, l'ospedale di San Marco nel quartiere Librino di Catania e la stazione della metropolitana Cibali

Si chiude una lunga vicenda che, per anni, ha tenuto sul filo del rasoio centinaia di lavoratori e che ha provocato forti ritardi nella realizzazione delle opere con i cantieri bloccati per la mancanza di fondi per comprare i materiali. Adesso, forse, si potrà fare un respiro di sollievo. Per essere più sicuri, bisogna aspettare il prossimo 30 luglio: data entro la quale dovrà essere stipulato il contratto di cessione dei compendi aziendali. «I rappresentanti della cessionaria (D'Agostino costruzioni, ndr) hanno confermato che verrà mantenuta la sede su Catania - si legge nel verbale di consultazione e accordo - Relativamente al mantenimento dei livelli occupazionali, hanno indicato in 148 il numero dei rapporti di lavoro che, sulla base delle attuali esigenze, verranno trasferiti con le tempistiche illustrate». 

Dei posti salvaguardati, 144 saranno contratti a tempo indeterminato e quattro a tempo determinato. Un risultato positivo considerato che il numero complessivo di lavoratori  per tutte le commesse del gruppo a livello nazionale - è di 149. L'unica lavoratrice non ricompresa nella cessione è un'addetta alle pulizie degli uffici di Roma di Tecnis ora dismessi. «I rapporti di lavoro saranno trasferiti e proseguiranno senza soluzione di continuità», è scritto nell'accordo tra le parti. Anche sulle tempistiche il quadro sembra chiaro: per 97 lavoratori il trasferimento alle dipendenze della D'Agostino costruzioni sarà immediato, per i 25 addetti alla commessa San Marco, invece, avverrà non appena saranno finiti i lavori (prevedibilmente entro il prossimo 31 dicembre). Nell'accordo non manca un appunto che suona un po' più dolente: «Per garantire l'economicità e la continuità delle attività e delle commesse, è necessario attuare un contenimento dei costi diretti e indiretti, anche in termini di livelli retributivi». 

Già lo scorso febbraio, Tecnis aveva compiuto un primo passo verso la cessione con l'aggiudicazione provvisoria al gruppo milanese Pessina costruzioni. L'aggiudicazione era poi saltata a causa «del mancato avveramento di una condizione posta all'offerta vincolante», come aveva comunicato il commissario straordinario Saverio Ruperto. Secondo fonti sindacali, alla base del mancato accordo ci sarebbe stata una richiesta di Pessina: che le aziende con cui Tecnis lavora in vari appalti in consorzio dessero disponibilità a vendere le proprie quote. Cosa che adesso, invece, si sarebbe concretizzata.

L'azienda colosso delle costruzioni degli imprenditori Domenico Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice era finita sotto sequestro circa tre anni fa. Le indagini della procura di Catania avevano immaginato «l’asservimento del gruppo imprenditoriale alla famiglia catanese di Cosa nostra, alla quale sono state garantite ingenti risorse economiche ed è stata consentita l’infiltrazione del redditizio settore degli appalti pubblici». I pm aggiunsero che la dimensione degli appalti gestiti da Tecnis aveva risvegliato gli interessi illeciti delle famiglie mafiose di Catania, Palermo e Messina.

marzo del 2017 su richiesta della procura, il tribunale per le misure di prevenzione di Catania restituì l'azienda a Costanzo e Bosco, perché era «venuta meno la pericolosità delle aziende». Dopo il dissequestro, Tecnis venne ammessa all'amministrazione straordinaria. Un provvedimento dovuto al fatto che, poco prima delle vicende giudiziarie, era stato ritirato il piano di ristrutturazione del debito e, nel febbraio 2016, il cda dell'azienda aveva dichiarato l'intenzione di vendere. In quel periodo, si parlò di passivi per oltre cento milioni di euro. Secondo Il sole 24 ore, Tecnis nonostante un «fatturato di oltre 300 milioni di euro nel 2013 e 2014, con oltre 800 dipendenti, è andata in difficoltà dal 2015, con ricavi ridotti a 198 milioni e perdite nette per 12 milioni». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews