Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania, Furlan e Welbeck si presentano
Lo Monaco: «Organico migliore dell'anno scorso»

Il portiere Jacopo Furlan e il centrocampista Nana Welbeck hanno pronunciato le loro prime parole da rossazzurri. Il direttore Pietro Lo Monaco, poi, ha puntualizzato sul mercato in corso: «Salvatore Monaco? Non ha mostrato amore per il Catania»

Giorgio Tosto

Tempo di presentazioni, in casa Calcio Catania. Dopo le parole del tecnico Andrea Camplone è stato, stamane, il turno di Jacopo FurlanNana-Addo Welbeck Maseko. Il primo, portiere di 26 anni ex Trapani e Catanzaro, ha firmato un contratto biennale con la società di via Magenta: il mediano, invece, si prepara alla sua prima esperienza in Serie C dopo essere cresciuto nei vivai di Brescia e Atalanta e avere giocato per Odense (Danimarca), Nk Krka (Slovenia) e Mladost Kakanj (Bosnia). 

Furlan ripercorre le modalità del suo arrivo a Catania dopo che, dodici mesi fa, le trattative erano sfumate a causa del mancato ripescaggio in Serie B degli etnei. «Sono arrivato con un annetto di ritardo - ha detto il portiere veneto - rispetto a previsioni e speranze. Fortunatamente l'opportunità si è ripresentata anche nel corso di quest'estate e l'ho colta al volo. Essere il primo acquisto rimarca la fiducia della società nei miei confronti. Non c'è stato molto a cui pensare». Furlan è poi tornato sull'estate del 2018: «È stato un periodo particolare, in cui ho compiuto una rischiosa scelta personale, rifiutando diversi club per provare ad aspettare il Catania a tutti i costi. La cosa mi si è ritorta contro e sono rimasto senza squadra fino a novembre. Adesso, però, siamo qui. Questa estate - rimarca l'atleta - la proposta rossazzurra è stata concreta fin da subito e ho scelto di non attendere oltre. Non me la sono sentita di rifiutare gli etnei per la B»

Su Nana Welbeck c'è anche l'ironia di Pietro Lo Monaco che ammette: «Parla meglio lui in italiano di me». Il calciatore italo-ghanese precisa: «Sono in questo Paese dal 2003: ho giocato qui dieci anni prima di andare all'estero, quindi mi considero pienamente italiano. Ringrazio la società - prosegue il calciatore - per avermi dato questa opportunità. Cercherò di dare il massimo e di rispettare quelli che sono i nostri obiettivi». In merito alla posizione in campo: «Sono a completa disposizione di mister Camplone. A centrocampo non ho problemi, posso giocare sia come play-basso che da interno. Negli ultimi anni, comunque, ho agito più nella prima posizione». Sulle esperienze all'estero, Welbeck conferma: «Dalla Danimarca ho portato con me più corsa e aggressività. Torno in Italia comunque con molta più esperienza di campo: quella che mi mancava a livello giovanile». 

In coda c'è il consueto punto dell'amministratore delegato rossazzurro Pietro Lo Monaco che precisa con forza l'azione di mercato fin qui condotta dalla società. «Riteniamo di avere messo in piedi un organico ancor più importante dello scorso anno. Ci proporremo anche noi, al pari di altre quattro-cinque realtà. Ci sarà - prosegue il direttore - un'ammazza-campionato come il Bari, assieme ad altre squadre che se la giocheranno: noi, il Catanzaro, la Reggina, la Ternana e il Teramo. Senza considerare, ovviamente, le eventuali outsider come il Potenza dello scorso anno». In merito al mancato acquisto del difensore Salvatore Monaco, il dirigente etneo precisa: «Non è mai stato a Torre del Grifo. Abbiamo trattato il calciatore col Perugia: lui ha mostrato gradimento, salvo poi andare in ritiro con gli umbri e fare un passo indietro. Gli abbiamo poi fatto una proposta di contratto che ha rifiutato. Una buona società - afferma però Lo Monaco - non rimane mai ferma a un unico obiettivo. Ci faremo trovare pronti».

Parole importanti, infine, per un altro grande ritorno come Andrea Mazzarani, tornato in rossazzurro dopo un anno a Salerno. «È un calciatore che c'entra poco in questa categoria: ha tecnica, forza, agonismo, resistenza e senso del gol. È andato via - prosegue il direttore - solo perché era in scadenza e ha preferito fare il salto in B. Appena si è data la possibilità di valutare il suo rientro non ce lo siamo fatto dire due volte. Lui si sente parte integrante di questa squadra, ci ha fatto piacere accoglierlo a braccia aperte». Un pensiero finale sullo stato del calcio siciliano: «Palermo e Siracusa scomparsi? Fa male al cuore - afferma Lo Monaco - il nostro tessuto economico fa fatica a supportare il calcio professionistico. Noi però ci siamo: questo ci dà orgoglio e ci spinge a fare sempre meglio». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews