Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ciancio, a processo l'affare d'oro del Sicily outlet village
Ex deputato Rabbito e le falle nel protocollo di legalità

Ieri l'ultimo appuntamento nel processo all'editore ed ex direttore del quotidiano La Sicilia. Tra i testimoni interrogati due politici dell'Ennese: l'ex parlamentare nazionale Gaetano Rabbito e Mirello Crisafulli

Dario De Luca

Arrivano insieme al palazzo di giustizia e, dopo qualche ora, si allontano allo stesso modo. Sono l'ex senatore Mirello Crisafulli e l'ex parlamentare nazionale Gaetano Rabbito chiamati come testimoni dell'accusa nel processo a Mario Ciancio Sanfilippo, l'editore ed ex direttore del quotidiano La Sicilia accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Crisafulli e Rabbito in aula affrontano una sola questione: il Sicily outlet village, costruito nel territorio di Agira, in provincia di Enna. Un affare da milioni di euro, con il centro commerciale realizzato dall'imprenditore e presidente dell'Atalanta Antonio Percassi e inaugurato nel 2010.

Sotto la lente d'ingrandimento della procura tutta la fase precedente. Quando c'erano da mettere insieme circa 30mila metri quadrati di terreni, stipulare i preliminari di vendita e cambiare la destinazione d'uso per consentire l'avvio dei lavori. In tutto ciò un ruolo fondamentale lo ha giocato proprio Rabbito. Poliedrico commercialista, ex parlamentare dal 1996 al 2001 con l'Ulivo, ma anche ex presidente dell'area sviluppo industriale di Enna fino al 2009. A introdurlo nell'affare outlet è un altro politico: Vincenzo Viola, ex parlamentare europeo ma soprattutto storico socio di Ciancio. «Con Viola ci siamo conosciuti a Palermo, all'Assemblea regionale - racconta Rabbito - Aveva l'idea di fare questa opera lungo l'autostrada Catania-Palermo. Ci siamo dati appuntamento e abbiamo guardato la zona, in un periodo in cui come Asi stavamo aprendo lo svincolo stradale di Dittaino».

Ma di cosa si è occupato in concreto Rabbito? «Ho individuato delle aree e poi mi sono interessato di contattare i proprietari e definire il prezzo». Nel lungo elenco di appezzamenti finisce pure una particella che in questa storia ha un ruolo chiave: quella identificata come numero sette al foglio 95. Perché in ogni atto di compravendita dei terreni dell'affare la condizione era sempre la stessa: per renderli effettivi il proprietario della particella 7 avrebbe dovuto vendere la superficie entro la fine del 2006 alla Dittaino Development. E in effetti ciò avviene, seppure con un passaggio intermedio: in un primo momento, infatti, a comprare il lotto è il commercialista Michele Micale che dopo qualche giorno rivende l'area, allo stesso prezzo d'acquisto, alla Dittaino Development. In quest'ultima società rientrava anche Ciancio, tramite la Svim di Vincenzo Viola e la Cisa, della moglie Valeria Guarnaccia. 

Micale è un uomo legato a doppio filo al padrone de La Sicilia. In virtù di un rapporto di lavoro collaudato, agiva per conto di Ciancio anche come amministratore delegato di alcune società dell'imprenditore etneo. «Possiamo dire che lei ha agito come prestanome in questo acquisto?», gli chiede il pm Antonino Fanara. «Sì, possiamo dirlo tranquillamente» risponde Micale. Descrivendo l'operazione della particella 7 come un'azione finalizzata esclusivamente a beneficiare di alcune agevolazioni tributarie che sarebbero scadute a fine 2006. A riguardo resta poco chiaro il motivo per cui fosse proprio quel terreno a vincolare il futuro dell'outlet.

C'è poi la fase due dell'affare. Cioè quando si vende a Percassi una sorta di pacchetto completo, fatto di autorizzazioni per il cambio di destinazione d'uso e i nulla osta amministrativi. Con l'imprenditore bergamasco (non indagato, ndr) rientrano poco dopo nella compagine sociale, con quoto di minoranza, il gruppo Viola-Ciancio. «Volevano qualcuno come punto di riferimento in Sicilia e per questo vengo nominato nel consiglio d'amministrazione», racconta Rabbito. Ad Agira i lavori cominciano, ma dentro i cantieri finiscono i mezzi di diversi imprenditori con problemi con la giustizia. Tra questi Vincenzo Basilotta, Mariano Incarbone e Sandro Maria Monaco. Gli ultimi due finiti nei guai nell'inchiesta Iblis per i loro rapporti con Cosa nostra. «Noi avevamo già fatto un protocollo di legalità», si giustifica l'ex parlamentare. 

Dura pochi minuti, invece, la testimonianza di Vladimiro Crisafulli, ex senatore del Pd bollato nel 2013 come «impresentabile» dalla commissione di garanzia del suo stesso partito. «Ha partecipato all'inaugurazione dell'outlet?», è la domanda della procura. «Credo di sì, mi hanno invitato». Il re delle preferenze però fa spallucce e sottolinea di non avere mai avuto nessun ruolo in quell'affare. L'ultima parte dell'udienza viene dedicata all'esame di Dario Montana, la cui famiglia nel processo è parte civile. Tra i temi la mancata pubblicazione del necrologio per il commissario di polizia Beppe Montana, ucciso da Cosa nostra il 28 luglio 1985.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews