Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Corruzione all'Anas, lista degli indagati potrebbe allungarsi
«Procura aperta per imprenditori che vorranno presentarsi»

L'arresto di Riccardo Carmelo Contino, Giuseppe Panzica e Giuseppe Romano potrebbe essere la punta di un iceberg. Ma l'attenzione è rivolta anche ai titolari delle imprese che per aumentare i profitti avrebbero messo in conto la riduzione della sicurezza

Simone Olivelli

Ci guadagnavano gli imprenditori, ci guadagnavano i funzionari, ci perdevano tutti gli altri. Le imprese che provano a lavorare nel rispetto delle regole, le casse pubbliche utilizzate come bancomat, i cittadini che inevitabilmente si trovano a percorrere strade in condizioni di sicurezza precarie. Dall'inchiesta Buche d'oro, che ha portato all'arresto di tre funzionari di Anas in servizio nel centro direzionale di Catania, emerge un quadro che, come rimarcato dagli inquirenti in conferenza stampa, «non stupisce ma indigna».

Riccardo Carmelo Contino, Giuseppe Panzica e Giuseppe Romano sono accusati di avere intascato mazzette dagli imprenditori che ottenevano l'aggiudicazione delle gare d'appalto per la manutenzione delle strade siciliane. Le stesse che periodicamente finiscono nel mirino delle critiche per lo stato disastroso che, oggi più di ieri, sembra avere una sicura concausa nella connivenza tra privati, che cercano il modo per ridurre al minimo i costi e massimizzare i profitti, e funzionari che, in cambio della disponibilità a validare l'avanzamento dei lavori, pretendevano di partecipare alla spartizione dei guadagni extra. La torta sarebbe stata divisa in maniera scientifica: due terzi all'imprenditore, la restante parte a Contino, Panzica e Romano. 

A incastrare i tre sono state le microspie e le telecamere nascoste installate dai militari del nucleo economico-finanziario della guardia di finanza di Catania. Particolare che fa emergere come le indagini fossero già in corso, ben prima dell'arresto in flagranza dei tre, avvenuto martedì. Le Fiamme gialle sono entrate in azione, dopo avere captato l'imminente consegna del denaro all'interno degli uffici dell'ente che in Italia gestisce molte autostrade e le statali.

La sensazione, che inquirenti e investigatori non hanno esitato a confermare, è che non si sia trattato di un caso sporadico ma di un evento da inserire all'interno di un sistema rodato basato sulla corruzione, a discapito del rispetto delle norme e della sicurezza. Perché, per riuscire a guadagnare di più, imprese e funzionari avrebbero messo in conto la possibilità di effettuare i lavori di manutenzione in maniera non perfetta: «Spesso la bitumazione delle strade avveniva senza un'adeguata scarificazione - ha spiegato il maggiore della finanza Sebastiano Di Giovanni -. Ciò comportava da una parte una durata ridotta del nuovo asfalto, ma anche l'aumento del livello stradale con la conseguenza che la capacità protettiva del guard rail veniva condizionata in negativo».

I proventi della corruzione non sono stati trovati soltanto all'interno di un armadio negli uffici catanesi. Anche a casa degli indagati le mazzette erano custodite. In un caso decine di banconote di taglio compreso tra 50 e 500 euro sono stati rinvenuti all'interno di una scatola di metallo, custodita in un garage. Ma quello emerso oggi potrebbe essere soltanto la punta di un iceberg. Gli indagati, infatti, potrebbero essere molti di più, anche tra il personale Anas. «A prendere tangenti sarebbero stati in molti, e chi non lo faceva magari fingeva di non vedere ciò che facevano i colleghi», ha chiosato il procuratore capo Carmelo Zuccaro.

Ma se sul ruolo dei funzionari è già stato detto qualcosa, resta l'altra faccia della corruzione: gli imprenditori. «Parliamo di un reato che per esistere ha bisogno di due parti - ha commentato il magistrato titolare dell'inchiesta Fabio Regolo -. Stiamo lavorando anche su quel fronte. I nostri uffici sono aperti per chiunque volesse venire spontaneamente a conferire con noi». A incentivare i privati potrebbe essere anche un altro dato: nonostante il reato contestato sia lo stesso per Panzica, Contino e Romano, a quest'ultimo, a dispetto degli altri due che si trovano in carcere, il giudice per le indagini preliminari ha concesso i domiciliari. Ciò lascia pensare che l'uomo, oltre ad avere ammesso le proprie responsabilità, abbia avviato immediatamente una collaborazione con gli inquirenti. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews