Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Le accuse agli impiegati del Comune di Piedimonte
Le pressioni, le uscite e le telecamere dei carabinieri

L'inchiesta della procura di Catania sui furbetti del municipio, affidata al magistrato Andrea Norzi, dipinge un presunto quadro di lassismo e cattivi esempi fatto di sporadiche presenze negli uffici dell'ente

Francesco Vasta

Quattro telecamere, un rilevatore gps e vari filmati di videosorveglianza acquisiti dai carabinieri. Poggiano sul materiale raccolto fra maggio e luglio 2015 le accuse a carico dei 49 dipendenti del piccolo Comune indagati per truffa allo Stato. I militari della stazione locale, nelle carte dell'inchiesta sui presunti furbetti del cartellino coordinata dal magistrato Andrea Norzi della procura di Catania, tracciano un quadro in cui spadroneggerebbero lassismo, connivenze e soprattutto cattivi esempi da parte dei vertici della macchina burocratica dell'ente.

Nel lungo elenco di indagati, infatti, spiccano i nomi di quattro dirigenti di lungo corso che, secondo l'ipotesi accusatoria, avrebbero chiuso più di un occhio sui presunti comportamenti assenteisti degli impiegati. Oppure li avrebbero compiuti in prima persona. Si tratta di Francesca Grasso, dirigente degli Affari generali, Pippo Cassaniti, comandante dei vigili urbani oggi in quiescenza così come l'ex ragioniera generale dell'ente Rosaria Sgroi. Nella lista pure Giuseppina Fragalà, oggi capo settore Polizia municipale, nel 2015 ai Servizi sociali.

Gli inquirenti, agli atti dell'inchiesta, mettono nero su bianco anche le presunte pressioni che una dirigente avrebbe attuato su due impiegati con l'obiettivo di fare alterare le risposte del software che rileva le presenze giornaliere, occultando le illecite assenze dal posto di lavoro. C'è chi, dopo avere timbrato, si sarebbe allontanato con la propria auto dal municipio, mentre altri avrebbero passato le mattine fra banca, posta, botteghe, tabacchi e negozi di abbigliamento. Poi ci sarebbero gli scambi o le plurime timbrature di badge compiute mentre i legittimi titolari erano assenti. Talvolta verificatesi, secondo l'accusa, sotto gli occhi degli stessi dirigenti.

In un contesto che sarebbe stato caratterizzato da poche certezze sulle mansioni che ciascuno avrebbe dovuto svolgere, nonché da controlli mai espletati, ecco che le telecamere della procura - piazzate fra ingresso principale del municipio, retro del palazzo, corridoio e autoparco comunale - avrebbero immortalato decine di assenze non giustificate dagli uffici. Qualche volta per accompagnare il nipote a scuola, talvolta fare la spesa o staccare in anticipo mentre il collega restava a timbrare il cartellino per tutti e due. Tutte ipotesi che hanno terremotato il Comune di Piedimonte, dal 2013 guidato dal sindaco Ignazio Puglisi

L'amministrazione ha preannunciato di volersi costituire parte civile. «Ma siamo convinti che molti riusciranno a discolparsi dalle accuse», sottolinea il primo cittadino. Nei corridoio del palazzo, poi, il coro è unanime: «Qui non siamo tutti delinquenti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews