Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Consiglio comunale, spunterà il gruppo Italia viva?
Fibrillazioni dalla Leopolda a Palazzo degli elefanti

Il rosa del gruppo Catania 2.0 somiglia al fucsia di Italia viva, il partito lanciato dall'ex presidente del Consiglio Matteo Renzi. I soliti sussurri dei corridoi dicono che Giuseppe Gelsomino, Francesca Ricotta e Mario Tomasello stiano ragionando sul futuro

Luisa Santangelo

Foto di: Ansa

Foto di: Ansa

Lo si potrebbe chiamare «effetto Leopolda». Quella fibrillazione per cui, di ritorno dall'ex stazione diventata crocevia del centro che si allontana dalla sinistra, a chi la prova viene voglia di cambiamento, di rottamazione dei simboli. Da Firenze a Catania è un attimo pure senza alta velocità. Anche perché, nel caso in cui ci fosse da modificare un logo in Consiglio comunale, il colore di partenza sarebbe più o meno simile a quello di arrivo. Il rosa di Catania 2.0  già somiglia al fucsia di Italia viva, il partito lanciato dall'ex presidente del Consiglio Matteo Renzi

Mentre il rottamatore dei democratici lancia la sua sfida centrista, i renziani non stanno a guardare. Alla Leopolda c'erano in tanti, compreso il deputato regionale Luca Sammartino al quale tanti gruppi locali, come quello etneo di Catania 2.0, fanno riferimento. Lui, l'onorevole Sammartino, non ha ancora sciolto le riserve. Mentre la sua compagna politica di sempre, Valeria Sudano, è già a tutti gli effetti una senatrice di Italia viva.

Giunge voce che nel capoluogo toscano ci fossero anche degli inviati dalla sala consiliare di Palazzo degli elefanti, arrivati a Firenze per comprendere meglio quale strada Renzi voglia imboccare e con che marcia. Così, dicono i sempreverdi bene informati, Giuseppe Gelsomino, Francesca Ricotta e Mario Tomaselloeletti al senato cittadino con il gruppo sammartiniano Catania 2.0, sembra stiano ragionando sul cambio di insegne a Palazzo degli elefanti e nelle circoscrizioni del capoluogo etneo. Non sarebbero del resto i primi, in Italia, ad avere fatto un percorso del genere. Da Varese a Siracusa, i renziani si sono già organizzati. 

A Catania non ci sarebbe neanche l'effetto di fare venire meno il gruppo del Partito democraticoi dem non avevano il loro simbolo tra le liste presentate alle ultime elezioni amministrativepreferendo le liste civiche a sostegno dell'ex primo cittadino Enzo Bianco. Dai diretti interessati non arrivano commenti, a dispetto delle smentite risalenti a settembre. Soltanto la conferma di una riflessione in corso. Anche se, dicono, ancora alle fasi embrionali

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×