Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Piscina Paternò, verso gestione ponte. Poi il bando
Soluzione dopo le proteste di cittadini e lavoratori

Potrebbe esserci uno spiraglio per la vicenda della struttura sportiva chiusa agli utenti dalla fine di giugno. Secondo le nuove disposizioni i cancelli potrebbero aprirsi già entro il 20 dicembre. Ma si tratterà soltanto di una soluzione temporanea

Salvatore Caruso

Foto di: Rosalinda Debora Cordaro

Foto di: Rosalinda Debora Cordaro

Si apre uno spiraglio per la riapertura della piscina comunale Giovanni Paolo II di Paternò chiusa all’utenza dalla fine di giugno. Nei giorni scorsi la Federnuoto Sicilia aveva comunicato la propria volontà di rinunciare alla gestione temporanea dell’impianto sportivo. Qualche settimana prima, però, a seguito di un incontro tra l’amministrazione comunale e la federazione, il presidente Sergio Parisi aveva dato una disponibilità di massima a gestire la struttura ma solo dietro la pubblicazione di un bando e dell’aggiudicazione. Per una gara pari a circa otto milione di euro e un affidamento dell’impianto per 15 anni

Il sindaco Nino Naso dopo la comunicazione della Federnuoto è corsa ai ripari approvand una delibera di giunta in cui vengono dettate le linee guida per la gestione a carattere temporaneo della piscina comunale. Ossia una manifestazione pubblica di interesse «per garantire l’attività sportiva a quella parte di popolazione che non potrebbe spostarsi in impianti dislocati al di fuori del territorio comunale, anche in considerazione della valenza sociale che riveste l'attività della piscina - si legge della delibera votata dall’intera giunta, ad eccezione dell’assessore allo sport Vito Rau - la giunta comunale ha ritenuto procedere ad un affidamento temporaneo per la gestione dell’impianto natatorio, affinché sia garantita l’apertura al pubblico della struttura in tempi brevi, fissata al 20 dicembre 2019»

Da quanto si evince ci sarebbero alcune società sportive affiliate alla Fin che sarebbero interessate ad intervenire per una gestione ponte dell’impianto. Da premettere che nella delibera la giunta comunale ha specificato che l'espletamento delle procedure di gara dovrà avvenire non oltre il 30 settembre 2020. Tuttavia la problematica piscina ha provocato anche un scontro politico senza precedenti. La commissione consiliare allo sport ha chiesto la convocazione urgente e straordinaria del Consiglio comunale proprio per trattare la vicenda. Tredici i consiglieri firmatari, di maggioranza e opposizione, che ne hanno fatto richiesta (Alfredo Sciacca, Guido Condorelli, Anthony Distefano, Roberto Faranda, Agata Marzola, Giuseppe Orfanò, Patrizia Virgillito, Claudia Flammia, Marco Gresta, Martina Ardizzone, Giuseppe Lo Presti, Tuccio Paternò e Giovanni Giangreco). 

La lunga chiusura della struttura e gli sviluppi degli ultimi giorni hanno provocato una scia di polemiche, non solo politiche, ma anche dei lavoratori che si ritrovano per il momento senza impiego. Un malessere che si è concretizzato qualche giorno addietro con un sit-in di protesta da parte di oltre un centinaio di persone, che si sono riunite dinnanzi al cancello d’ingresso della piscina.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews